28, Giugno, 2022

Matrone chiede al Comune di chiudere la stazione in orario notturno: “Di notte troppi senzatetto nella sala di attesa”

Più lette

In Vetrina

Michele Matrone, del Centrodestra per Rignano, chiede al Comune di chiudere la sala d’attesa nelle ore notturne: “Ci sono tanti senzatetto: alle volte è talmente occupata che è impossibile fare il biglietto”. Presentata una mozione in consiglio.

“La sala di attesa non può essere un centro di accoglienza per i senzatetto”. Queste le parole utilizzate da Michele Matrone, del Centrodestra per Rignano, che ha presentato una mozione in consiglio comunale.
 
“Da anni ci battiamo per un corretto uso della sala di attesa della stazione ferroviaria in comodato d'uso al comune di Rignano Sull'Arno: le nostre interrogazione sono state numerose ma il problema si è aggravato e adesso si verifica per tutto l’anno” sottolinea il consigliere..
 
“Nei giorni scorsi – prosegue Matrone – alle ore 5,30 ho potuto constatare personalmente, invitato da alcuni  viaggiatori, come fosse impossibile entrare nella sala: vi erano distese in terra a dormire sei persone più quattro sulle panche. Uno spettacolo allucinante: alcuni utenti non hanno potuto acquistare il biglietto perche era impossibile entrare”.
 
“Nei comuni a noi vicini le sale di attesa delle stazioni ferroviarie hanno un orario di chiusura e uno di apertura, che coincide con l'ultimo treno in tarda serata e il primo treno di mattina: questo può aver causato l'affollamento nella nostra sala di attesa. Per questo chiediamo all’amministrazione di intervenire e di prendere provvedimenti tempestivi” chiosa il consigliere di opposizione.

Articoli correlati