27, Giugno, 2022

Dopo la denuncia di Da Re, anche Calò interviene sulla questione inquinamento: “Niente è stato fatto per riattivare la centralina di Incisa”

Più lette

In Vetrina

Dopo la denuncia del portavoce del Comitato Pendolari Valdarno Direttissima, anche Andrea Calò interviene sulla questione smog che critica i sindaci valdarnesi: “Situazione grave, a tutt’oggi manca ancora una nuova centralina e un piano di intervento per contrastare abbattere e eliminare l’inquinamento. Un immobilismo e un silenzio sospetto, inquietante a fronte dei gravi problemi di inquinamento”. Intanto la Provincia attende ancora circa 30mila euro dalla Sims per la gestione della vecchia centralina al campo sportivo di Incisa.

A lanciare l’allarme era stato, ancora una volta, il portavoce del Comitato Pendolari Valdarno Direttissima, Maurizio Da Re che a Valdarnopost aveva denunciato: “Il nostro territorio è avvelenato dallo smog ma la centralina di Incisa non è più attiva. Se si fosse eseguito un nuovo confronto con Firenze, si sarebbe verificato che fra il 5 e il 21 dicembre nel Valdarno si sono respirati veleni in abbondanza”.
 
Adesso a rilanciare la questione è il consigliere comunale di Reggello e della Provincia di Firenze, Andrea Calò: “Nuovo allarme smog e polveri sottili nel Valdarno Fiorentino. Peggiorata la qualità dell’aria nei vari comuni valdarnesi senza che i “dati”  siano stati adeguatamente e prontamente rilevati, elaborati e resi pubblici. Da quando è stata soppressa la centralina  di Incisa per il Valdarno Fiorentino è calato l’oscuramento, nonostante l’alta presenza di polveri sottili e altri fattori inquinanti”.
 
“Più volte – sottolinea Calò – abbiamo precisato che tra le fonti di emissione degli inquinanti che compromettono la qualità dell’aria nel Valdarno Fiorentino primeggiano l’industria, i trasporti su strada, e gli effetti dei riscaldamenti domestici. Anzi i trasporti stradali caratterizzati da il passaggio dei veicoli pesanti e da lunghe file di automobili sono tra i primi responsabili delle emissioni di PM10, basta vedere quello che succede sulla SR 69 tratto Incisa Valdarno-Reggello o Pian di Rona Reggello dove il traffico, code e incollonamenti di tutti i tipi di veicoli raggiungono  numeri insostenibili.  Basta ricordare che i dati raccolti nel 2012 da Arpat, quando ancora era in funzione la centralina di Incisa per il rilevamento dello smog e polveri rivelarono che Incisa era  nella black-list della provincia e ai primi posti in Toscana per l’alto numero di inquinamento”.
 
“Allora – ricorda Calò – i dati evidenziati smentirono clamorosamente i fautori di chi sosteneva che nel Valdarno fiorentino no non fosse possibile  il pericolo dell’inquinamento,  polveri sottili  che come sappiamo    finiscono per creare problemi sanitari e ambientali da non sottovalutare”. Per questo il consigliere di Rifondazione propose che fossero direttamente le quattro amministrazioni comunali ad occuparsi della centralina fino ad allora in funzione a seguito di un accordo con la Sims.
 
“In risposta ad una mia interrogazione – chiosa il consigliere – il Sindaco di Reggello annunciò che l’Amministrazione Comunale stava studiando la possibilità di esercitare azioni comuni con le altre tre amministrazioni e che da lì a poco sarebbe stato predisposto un intervento. Alla luce dei fatti a tutt’oggi manca ancora una nuova centralina e un piano di intervento per contrastare abbattere e eliminare l’inquinamento.  Un immobilismo e un silenzio sospetto, inquietante a fronte dei gravi problemi di inquinamento”.
 
Il protocollo d’Intesa tra la SIMS SpA e la Provincia di Firenze, per la compartecipazione alla gestione e manutenzione della centralina di monitoraggio della qualità dell’aria posta presso il campo sportivo di Incisa, è stato stipulato in data 1 giugno 2009 ed è rimasto valido fino al 30 ottobre 2012. E l’azienda deve ancora restituire circa 30mila euro (il debito era di 35.639,20 euro ad ottobre) attraverso pagamenti rateizzati.

Articoli correlati