28, Giugno, 2022

Domani la finale di Coppa, la Bucinese vuole fare la storia

Più lette

In Vetrina

La sorprendente matricola del Valdarno ha sorpreso tutti raggiungendo l’ultimo atto della Coppa Italia di Eccellenza. Tra gli arancio-verdi e il trofeo ora c’è solo il fortissimo Ponsacco, squadra nata per stravincere. Ma in una gara secca tutto può succedere: Cocollini e i suoi ci credono

Domani è il gran giorno: la Bucinese sfida il Ponsacco nella finalissima di Coppa Italia di Eccellenza e può scrivere la pagina più bella della sua storia nel bel mezzo di una stagione già al di sopra di ogni aspettativa. Si gioca alle 14.30 sul neutro dello stadio Bruno Buozzi a Le Due Strade di Firenze.

È una vera favola quella che sta vivendo la neopromossa arancio-verde, protagonista in campionato – a quattro punti da un primo posto che ha già occupato per due settimane – e fin qui perfetta in Coppa nella sua prima stagione di Eccellenza. Dopo aver eliminato la Castelnuovese e, a sorpresa, il SanGiovanniValdarno dalla competizione, la squadra di Cocollini si è sbarazzata del Foiano negli ultimi cinque minuti del quarto di finale e si è poi imposta in rimonta ai supplementari della semifinale vinta 2-1 contro la Larcianese. Essere in campo domani è già un traguardo indelebile per il club. Il trofeo però adesso è lontano soltanto 90 minuti e i valdarnesi vogliono provarci.

Non sarà facile, per niente. Il Ponsacco è prima e imbattuta nel girone A di Eccellenza con 43 punti in 17 giornate, il suo attacco è il migliore con 17 reti all’attivo (più di due e mezzo di media a partita) e la difesa ne ha subite appena 10. Mister Giacomo Lazzini schiera una rosa profondissima e con nomi che non hanno niente a che fare con la categoria, su tutti la coppia del gol Cristian Brega e Jonathan Granito: 13 reti per il primo, 16 per il secondo in campionato, rispettivamente 5 e 6 ciascuno nelle sole sei partite di Coppa disputate fin qui.

L’obiettivo dei pisani è quello di stravincere e il pronostico è tutto dalla loro parte. I pronostici però non contano niente nelle gare secche: la Bucinese vuole giocarsi le sue ciance per trovare il lieto fine alla sua favola. Novanta minuti regolamentari al termine dei quali, in caso di parità, si andrà avanti con due supplementari di 15 minuti ciascuno. In caso di ulteriore parità la Coppa si assegna ai calci di rigore. Valdarnopost seguirà in diretta l’incontro.

Articoli correlati