26, Giugno, 2022

“Diamo foco all’inferno”: la mostra pirografica all’auditorium di Montevarchi a cura di Simone Naldini

Più lette

In Vetrina

Aperta fino a stasera la mostra all’auditorium di via Marzia “Diamo foco all’inferno”, un’esposizione di tavole in legno realizzate con la tecnica della pirografia da Simone Naldini della bottega artigiana Mastrociliegia, l’unico esponente a livello regionale. Sono raffigurate alcune immagini tratte dal cantico dell’Inferno della Divina Commedia

Si conclude stasera, sabato 8 febbraio, la mostra pirografica “Diamo foco all'inferno” all’auditorium comunale di Montevarchi, a cura di Simone Naldini della bottega artigiana “Mastrociliegia” di San Giovanni Valdarno. L’esposizione è aperta dalle ore 16 alle ore 19.
 
La mostra è composta da 20 tavole in pioppo che raffigurano una selezione delle incisioni di Gustave Doré sulla prima cantica della Divina Commedia, l’Inferno. Le tavole sono riprodotte attraverso puntinismo e le cornici in legno grezzo sono scelte per valorizzare l'identità del tutto manuale ed artigiana delle opere.
 
Per quanto riguarda la pirografia, Naldini è l’unico esponente a livello della Toscana e tra i pochi a livello nazionale: si tratta di un’incisione per mezzo di una fonte di calore su vari tipi di materiale, in questo caso il legno. “Una tecnica di scultura sul legno piuttosto rara e lo stile classico e romantico delle raffigurazioni di questa mostra si abbina alla pirografia”, ha detto l’artista. “Un lavoro iniziato per passione, vocazione e curiosità personale, che può essere un modo per valorizzare questo spazio e l’artigianato locale”, ha commentato l’assessore alla cultura Fabiano.
 
Durante la mostra l'incisore è presente nei locali con l'attrezzatura necessaria per realizzare una pala più grande di quelle esposte, raffigurante Bonconte da Montefeltro (V canto del Purgatorio), le cui spoglie mai trovate alimentano la leggenda sull' identità dell'uomo murato nella chiesa di San Lorenzo in San Giovanni Valdarno.
 

Articoli correlati