26, Giugno, 2022

Centrale a biomasse, comune e associazioni di Levane firmano la convenzione: previsti controlli sulle emissioni

Più lette

In Vetrina

Il protocollo, sottoscritto dall’amministrazione comunale e dalle associazioni “Sprondoro” e “Levane Insieme”, prevede anche l’impegno per la realizzazione di una rete di teleriscaldamento e per interventi di riqualificazione di aree pubbliche. Un comitato vigilerà sull’attuazione degli impegni

Arriva dopo mesi di richieste la convenzione tra il comune di Montevarchi e le associazioni che rappresentano i cittadini dell'area di Levane, al limite con Levanella, dove è attiva da qualche settimana la nuova centrale a biomasse. Una convenzione che fissa una serie di impegni importanti, sia a tutela della salute pubblica che come compensazione del disagio. 

Il documento è stato sottoscritto per il Comune dal sindaco, Francesco Maria Grasso, per l’associazione Sprondoro dal Presidente, Richard Ingersoll, e per l’associazione Levane Insieme, dal Presidente, Giovanni Bozza. La convenzione riafferma "il preminente interesse pubblico della salvaguardia della salute e dell’ambiente", e fissa una serie di obiettivi che puntano ad offrire ai cittadini garanzie e assicurazioni riguardo il controllo dell’attività industriale della nuova centrale. 

Il primo impegno che il comune si assume è quello di effettuare un controllo semestrale sulla qualità delle biomasse impiegate e sulla loro provenienza, ed un altro controllo sulle emissioni dell’impianto nell’ambiente e sugli effetti prodotti su tutte le componenti (aria, acqua, suolo) e sulla qualità della vita (rumore, traffico veicolare, odori).

Un altro obiettivo del protocollo è quello di arrivare al completamento del ciclo di cogenerazione con una rete di riscaldamento che sfrutti l’energia termica prodotta dall’impianto. Perciò il Comune si impegna a non autorizzare nella zona la realizzazione di altri impianti di cogenerazione, finché non sarà completamente sfruttata l'energia prodotta dalla centrale a biomasse.

Infine, il Comune si impegna nel triennio 2014/2016 a progettare in modo partecipato con i cittadini e le Associazioni “Sprondoro” e “Levane Insieme”, interventi di riqualificazione nel territorio interessato, e interventi di miglioramento delle aree destinate a verde pubblico nel territorio levanese, partendo dalle aree vicino alle scuole di Levane e Levanella e da quelle direttamente interessate dall’impianto.

I fondi della compensazione ambientale versati dall'azienda saranno utilizzati per la realizzazione di questi interventi. Viene istituito anche un Comitato che avrà l’incarico di vigilare sull’attuazione degli impegni previsti nella convenzione. 

Articoli correlati