29, Giugno, 2022

Il recupero dell’ex Teatro Impero torna in consiglio comunale con una mozione presentata da Prima Montevarchi

Più lette

In Vetrina

Nella seduta di consiglio dei giorni scorsi, una mozione di Prima Montevarchi ha riportato la discussione sul recupero dell’ex Teatro Impero, chiedendo chiarimenti sull’avanzamento del progetto e un’analisi sullo stato di degrado. Il documento è stato approvato all’unanimità

Nel consiglio comunale di Montevarchi è tornato al centro del dibattito il recupero dell'ex Teatro Impero, con una mozione presentata da Prima Montevarchi e votata all’unanimità. Il gruppo richiede chiarimenti in merito al percorso del progetto, alle intenzioni dell’amministrazione e una relazione riepilogativa e programmatica da sottoporre all’esame della 2° Commissione Consiliare, oltre che al consiglio stesso.
 
Nel documento, il gruppo ripercorre alcune tappe del progetto di recupero: dal Piuss, il quale “indica tra le funzioni di pregio da riallocare nel centro cittadino anche quella che passa attraverso il recupero e la valorizzazione del Teatro Impero” e la delibera della giunta comunale del 29 dicembre 2011, nella quale il progetto era stato ridimensionato con un budget dimezzato rispetto alla previsione originaria, con l’intenzione di ristrutturare il vecchio edificio, costatando che, “trascorsi ben due anni e nove mesi dall’indirizzo di cui sopra, nessun seguito risulta in tal senso agli atti pubblici, nessun progetto esecutivo è stato approvato”
 
Il gruppo Prima Montevarchi, nella seconda parte della mozione, richiede anche una valutazione dello stato di degrado dell’edificio, abbandonato da anni, non solo per una questione estetica, ma anche in riferimento alla copertura in eternit. Una questione di tutela sulla quale si sono espressi anche i consiglieri Bindi e Buffoni.
 
Durante il dibattito in seduta, il sindaco ha sottolineato che il problema del progetto, inserito nel Piuss, dipende dal fatto che la struttura dell’Impero non è di proprietà comunale, ma di titolarità privata. Inoltre, ha sottolineato la necessità di non creare allarmismo, dato che le copertura di amianto risultano pericolose in caso di sollevamento delle polveri.
 
Al termine della discussione, la mozione è stata approvata con voto unanime dai consiglieri di entrambi gli schieramenti, con l’impegno a trovare una soluzione condivisa nel percorso del documento e del progetto.
 

Articoli correlati