30, Giugno, 2022

Dopo l’annuncio della Regione che commissarierà il lotto 5 della Variante alla Sr69, Calò interviene in Provincia: “Pessima performance. Resa dei conti nel Pd”

Più lette

In Vetrina

“Coup de théâtre nella complessa vicenda delle infrastrutturazioni non realizzate: resa dei conti tra gli amministratori del Pd”. Andrea Calò, consigliere di Rifondazione presenta un’interrogazione sulla Variante alla Sr69. L’assessore regionale Ceccarelli ha annunciato che il lotto 5 verrà commissariato. Il consigliere: “la Provincia di Firenze esce per l’ennesima volta distrutta sul piano delle performance gestionali. Finanziamenti a rischio?”.

Dopo l’intervento dell’assessore regionale Vincenzo Ceccarelli – "Basta ritardi parte il commissariamento" – il caso della Variante Casello-Casello approda in Provincia. Andrea Calò, di Rifondazione, ha presentato infatti un’interrogazione in consiglio.
 
"Il tour del governatore della Regione Toscana Enrico Rossi nel Valdarno Fiorentino – sottolinea il consigliere provinciale e del Comune di Reggello – ci regala un vero 'coup de théâtre' nella complessa vicenda delle infrastrutture non realizzate. Il lotto 5 della Variante alla Sr 69 in riva destra dell’Arno verrà commissariato dalla Regione Toscana così come era già avvenuto per i lavori relativi alle casse di espansione di Figline Valdarno".
 
Inoltre su tutto il complesso dei lavori "apprendiamo che grava la spada di Damocle che se non verranno realizzati entro il 2016 i fondi europei FAS potrebbero essere persi" precisa il consigliere.
 
Per Calò si tratterebbe di "una vera e propria resa di conti tra amministratori del Pd: Rossi sconfessa l’operato di Barducci e Ceccarelli quello di Gamannossi: certo è che la Provincia di Firenze esce per l’ennesima volta distrutta sul piano delle performance gestionali, mentre non c’è prova di appello per la pregressa amministrazione di Figline Valdarno ancora una volta soggetta a commissariamento".
 
Calò trova "giusta e condivisibile la presa di posizione del Sindaco di Reggello che reclama da parte della Regione Toscana e Provincia di Firenze il rispetto degli impegni assunti”. Allo stesso tempo ritiene“considerazioni giuste, tardive e un po’ manichee e di sapore elettoralistico per una Regione Toscana che verso il Valdarno Fiorentino, le comunità e le popolazioni si è sempre mostrata disattenta e/o inattendibile sulle azioni di governo locale: prova ne è il lungo cahier de doléances del livello regionale che non ha brillato per niente su le azioni di governo del territorio e neppure con la sospetta subalternità a Mauro Moretti, l’ad di Trenitalia per il servizio pubblico locale il quale ha fino ad oggi agito indisturbato sui tanti disservizi”.
 
Rifondazione Comunista chiede al Presidente della Provincia di Firenze di riferire "sul commissariamento annunciato variante alla Sr69 in riva destra dell’Arno per il lotto 5, e sul resto dei lotti. Chiarendo allo stesso tempo se corrisponde al vero che se le opere a suo tempo finanziate da fondi europei per la variante alla Sr69 non fossero realizzate entro il 2016 i fondi stanziati verranno persi".

Articoli correlati