19, Agosto, 2022

Verso la chiusura della mostra “La terra di Figline e Incisa”: una serie di eventi speciali negli ultimi fine settimana

Più lette

In Vetrina

Una visita guidata, il finissage e un gioco social: sono gli ultimi appuntamenti della mostra “La terra di Figline e Incisa. 1387-1901: capolavori restaurati”, che rimarrà allestita al Palazzo Pretorio di Figline fino al 20 febbraio. “Cinque secoli di storia – commenta l’assessore alla Cultura e alle Politiche giovanili, Dario Picchioni – che continuano a stimolare la curiosità di grandi e piccini grazie a tutti questi appuntamenti di approfondimento dedicati all’esposizione, che rimarrà visitabile tutti i fine settimana fino al 20 febbraio”.

L’assessore Picchioni ha anche fatto il punto sulle visite della mostra: “Oltre ai visitatori del fine settimana, nonostante il periodo pandemico e le tante, purtroppo, quarantene scolastiche, sono 114 gli studenti che hanno avuto già modo di visitare il Pretorio e, per tanti di loro, è stata anche la prima uscita scolastica del loro percorso di studi. Inoltre, in tanti si stanno cimentando nel gioco social tematico, che si pone un doppio obiettivo: promuovere la mostra, ma anche il territorio, attraverso le sue opere d’arte e avvicinare, contemporaneamente, nuovi pubblici al teatro. Invito tutti, quindi, ad approfittare delle ultime settimane di apertura e visitare la mostra, anche in occasione degli appuntamenti del 12 e del 19 febbraio”.

Il primo appuntamento è quello per l’incontro “L’arte a Figline e Incisa”, a cura della storica dell’arte Daniela Matteini sabato 12 febbraio alle 17. Le prenotazioni sono già aperte. Si tratta di una lezione con successiva visita guidata alle circa 30 opere in mostra. L’esposizione è concepita non solo come un “viaggio ideale”, alla scoperta delle opere d’arte del territorio, ma anche fisico, che si snoda attraverso le mura, le pievi, le chiese, i fiumi, le vallate, i personaggi in esse rappresentati e tutti da ammirare. L’evento è organizzato in collaborazione con la sezione Soci Unicoop Valdarno Fiorentino. Per la partecipazione è necessario il Green Pass rafforzato e la prenotazione è obbligatoria e può essere effettuata: online, su https://attendize.comunefiv.it:8070/e/157/larte-a-figline-e-incisa-lezione-e-visita-guidata-alla-mostra, oppure per telefono, al numero 0559125304.

Sabato 19, a partire dalle 17, la sala Sarri di Palazzo Pretorio ospiterà un approfondimento sull’arte a Figline, sui capolavori attualmente in mostra (datati tra il 1387 e il 1901) e in gran parte restaurati dal Comune negli ultimi 40 anni, su altre mostre che si sono svolte al Pretorio e su progetti di grande valore artistico che hanno coinvolto Figline negli ultimi 16 anni, e cioè, il progetto “La Città degli Uffizi”, che dal 2006 al 2015 ha portato nei comuni del territorio fiorentino capolavori provenienti dall’illustre museo fiorentino; l’esposizione di pittura e scultura “Arte a Figline: dal Maestro della Maddalena a Masaccio”, che tra la fine del 2010 e l’inizio del 2011 ha portato in mostra tutte le opere culturalmente e qualitativamente più significative della produzione artistica del territorio e degli immediati dintorni, del periodo compreso tra la seconda metà del Duecento e la prima metà del Quattrocento; la mostra “Arte a Figline: da Paolo Uccello a Vasari” che, a cavallo tra il 2013 e il 2014, ha portato nelle sale del Pretorio opere di pittura e scultura fra Quattro e Cinquecento, con l’aggiunta di una miniatura del museo della Collegiata proveniente dalla Confraternita locale di San Lorenzo.

Saranno presenti, al finissage del 19 febbraio, Antonio Natali, direttore della Galleria degli Uffizi dal 2006 al 2015 e ideatore del progetto “La Città degli Uffizi”; Angelo Tartuferi e Nicoletta Pons, rispettivamente curatori delle mostre “Arte a Figline” del 2010-11 e del 2013—14; Giovanni Serafini, curatore della mostra “La terra di Figline e Incisa”. Ad aprire l’incontro sarà Dario Picchioni, assessore alla Cultura del Comune di Figline e Incisa Valdarno. Per prenotare: https://www.fiv-eventi.it/evento/finissage-la-terra-di-figline-e-incisa-valdarno/ – 0559125247/0559125304.

Intanto, è in fase conclusiva anche la “Caccia al particolare”, il nuovo gioco social in 10 enigmi, tutti dedicati ad altrettante opere in mostra, che, entro il 13 febbraio, verranno pubblicati, come post e stories, sui profili Instagram e Facebook del Comune di Figline e Incisa Valdarno. Il più veloce a rispondere correttamente a tutte e 10 le domande si aggiudicherà due biglietti per uno spettacolo a scelta tra quelli in programma al Teatro comunale Garibaldi di Figline.

La mostra rimane visitabile, ad accesso libero ma con obbligo di Green pass rafforzato per gli over 12, ogni sabato e domenica dalle 9 alle 13 e dalle 15 alle 19. Per le visite scolastiche, basta scrivere a cultura@comunefiv.it . Tutti i bambini e gli alunni in visita riceveranno in regalo anche un kit didattico, dedicato all’esposizione.

 

Glenda Venturini
Capo redattore

Articoli correlati