15, Agosto, 2022

Il Progetto Erasmus porta 29 studenti francesi e bulgari nelle Scuole di Reggello

Più lette

In Vetrina

Primo incontro in presenza dopo oltre due anni per il Progetto “Erasmus L.A.S.T.2”, che mercoledì porterà due delegazioni di studenti e insegnanti dalla Francia e dalla Bulgaria a Reggello. Questo progetto è nato nel 2019 come naturale prosecuzione di un precedente progetto, e vede coinvolte le Scuole Primarie di Vaggio e Leccio, la Scuola “Rosa Parks” di Bretigny sur Orge (Francia) e la Scuola “Konstantin Kostantonov” di Sliven (Bulgaria). Tra gli obiettivi del progetto c’è quello di incrementare negli studenti le abilità nella produzione scritta, attraverso la storia delle arti.

 

Per sua stessa natura, il progetto Erasmus prevede la mobilità sia di insegnanti che di studenti, che si spostano per l’Europa per incontrare e conoscere coetanei di nazioni diverse. Purtroppo negli ultimi due anni i viaggi sono stati sospesi a causa del Covid, ma insegnanti ed alunni hanno continuato a lavorare “a distanza”: gli studenti si sono conosciuti tramite mail e hanno svolto interessanti attività di “writing jogging” in videoconferenza, anche grazie al supporto della piattoforma eTwinning.

In questa settimana finalmente si svolgerà il primo viaggio: 29 alunni tra i 10 e i 11 anni e 7 insegnanti (francesi e bulgari) saranno in Italia e visiteranno l’Istituto comprensivo di Reggello. Il programma prevede visite guidate a Palazzo Vecchio e alla Galleria degli Uffizi, come prosecuzione delle attività svolte online. Mercoledì 23 marzo le delegazioni trascorreranno l’intera giornata a Reggello presso la Scuola Secondaria di Primo Grado “Guerri”. Sono stati organizzati laboratori di arte e di lingua italiana, un percorso guidato lungo le vie di Reggello e un momento musicale con la partecipazione dell’orchestra SaràBanda. La giornata si concluderà con gli alunni francesi, bulgari e italiani che canteranno insieme “Amico libro”, la canzone composta appositamente per il Progetto da due insegnanti dell’Istituto reggellese.

Glenda Venturini
Capo redattore

Articoli correlati