08, Dicembre, 2022

Gran Galà della fotografia: 7mila scatti e 1200 fotografi in gara, sabato la premiazione

Più lette

In Vetrina

Una serata di gala per premiare gli scatti migliori arrivati da ogni parte del mondo. È il Gran Galà della Fotografia, il concorso internazionale organizzato dal Circolo fotografico Arno e dal Comune di Figline e Incisa Valdarno la cui serata conclusiva è in programma sabato 8 ottobre alle 17 al Teatro comunale Garibaldi, dove saranno proiettate le immagini vincitrici. Le fotografie premiate, circa 200 opere, saranno poi esposte a Palazzo Pretorio, in una mostra aperta fino al 15 ottobre.

Al concorso hanno partecipato circa 1200 fotografi da 65 paesi, professionisti e dilettanti senza limiti geografici né professionali, presentando oltre 7mila fotografie per due circuiti: il Gran Digital, per la fotografia digitale, e il Gran Print, per le stampe. Le due sezioni erano a loro volta suddivise in quattro temi: al Gran Digital si è gareggiato su tema libero monocromatico, tema libero colore, foto di paesaggio, foto di ambiente; al Gran Print su tema libero monocromatico, tema libero a colori, foto di viaggio e fotogiornalismo. Per ciascun circuito sono previsti 361 tra premi e menzioni, per un totale di 722. Alla cerimonia di premiazione saranno presenti la sindaca Giulia Mugnai, l’assessore alla Cultura, Dario Picchioni, il presidente del Circolo Fotografico Arno, Eros Ceccherini, insieme ad altri soci del Circolo, autorità FIAF e FIAP.

“Diamo il benvenuto dell’Amministrazione a tutti i fotografi premiati”, commenta l’assessore alla Cultura, Dario Picchioni. “Mancava un grande concorso internazionale per affermare sempre più Figline e Incisa Valdarno come città della fotografia. Oggi colmiamo anche questa mancanza grazie soprattutto all’impegno del Circolo Fotografico Arno, un club che negli ultimi anni ha guadagnato un prestigio mondiale e che, non a caso, è sede di una Galleria FIAF, uno spazio espositivo riconosciuto ufficialmente dalla Federazione Italiana Associazioni Fotografiche. La fotografia è un potente strumento che, con la stessa forza, conserva la memoria e invita a riflettere sulla contemporaneità, raccontando il cambiamento di persone e territori. Dopo le grandi mostre ospitate dello scorso anno per il quarantennale del Circolo, Palazzo Pretorio continua ad essere il palazzo della fotografia grazie agli scatti vincitori del Gran Galà. Ed è qui che, nelle prossime settimane, verrà ospitata la mostra “Il senso dei luoghi”, un reportage sul nostro territorio realizzato dal collettivo TerraProject che dialoga idealmente con i lavori commissionati in passato a due giganti della fotografia come Paolo Monti e Gianni Berengo Gardin”.

 

Glenda Venturini
Glenda Venturini
Capo redattore

Articoli correlati