04, Dicembre, 2022

Dall’esperienza del Think festival nasce un laboratorio permanente per la cultura digitale

Più lette

In Vetrina

Conclusa la seconda edizione del festival della cultura digitale Think, che lo scorso weekend ha registrato a Figline oltre duemila presenze, ora nasce un laboratorio permanente per la promozione della cultura digitale attivo tutto l’anno. Si chiama “THiNK Lab” ed è stato presentato questa mattina: si compone di 14 incontri gratuiti e rivolti a tutti, da ottobre fino al prossimo marzo, per guidare al cambiamento consapevole e far conoscere le opportunità delle nuove tecnologie.

Quattro i percorsi specifici, che saranno dedicati, rispettivamente, ai bambini, agli adolescenti, agli adulti di tutte le età e alle imprese per avvicinarli a temi come il coding e la robotica, il videomaking, la modellazione 3D, l’uso delle app e degli strumenti digitali. Nel programma anche un pomeriggio insieme al giornalista e filmmaker Marco Maisano, già conduttore della trasmissione televisiva “Piacere Maisano”, oggi collaboratore di Radio Deejay e autore del podcast “The Italian Job”, serie in cui racconta le vite dei più grandi geni della truffa della storia d’Italia.

“La missione di THiNK – spiega l’assessore alla Transizione digitale Dario Picchioni – non può esaurirsi nei tre giorni del festival. La grande risposta del pubblico, per numeri e per coinvolgimento, che abbiamo registrato anche nella seconda edizione appena conclusa, ci spinge a fare di questa rassegna un percorso lungo tutto l’anno. Siamo convinti che le nuove tecnologie offrano enormi opportunità di inclusione e sviluppo, se sapremo affrontarle con la giusta consapevolezza. Per questo la nostra Amministrazione ha voluto rilanciare creando il Think Lab, un percorso laboratoriale con quattro sezioni specifiche, un programma di alfabetizzazione digitale e al cambiamento aperto a tutti, dai più piccoli agli anziani, dai semplici curiosi ai professionisti”. “Questo – ha aggiunto Francesco Di Costanzo, presidente PA Social e Fondazione Italia Digitale – è un investimento sulla cultura digitale continuo, con tutte le categorie e le fasce di popolazioni. Abbiamo bisogno di conoscere e capire le grandi potenzialità ma anche i rischi della comunicazione e della cultura digitale”.

THiNK Lab è organizzato dal Comune di Figline Incisa Valdarno in collaborazione con PA Social e Fondazione Italia Digitale. Il programma completo e le prenotazioni su www.thinkfestival.it/think-lab.

PER I PIU’ PICCOLI. Per bambine e bambini tra i 7 e gli 11 anni, invece, si parte il 15 ottobre con il laboratorio di alfabetizzazione informatica attraverso i giochi, per imparare i concetti base della programmazione e dei suoi linguaggi, creando piccoli videogame e imparando divertendosi. Poi la magia del Natale in 3D: il 3 dicembre alle 10, Robocode organizza un laboratorio di decorazioni natalizie realizzate con la stampa 3D. Il 17 dicembre prosegue il percorso di alfabetizzazione informatica con una mattinata per scoprire, giocando, le differenze tra reale e virtuale. Ultimo appuntamento l’8 gennaio con un laboratorio che mette insieme la transizione ecologica e quella digitale in una sorta di bricolage 2.0. Partendo da materiale di recupero, si imparerà, insieme a Robocode, a costruire una mano robotica.

PER GLI ADOLESCENTI. Tre i laboratori pensati per ragazze e ragazzi dai 12 ai 17 anni, a partire dal tema per loro più sensibile: i social media. Il 21 gennaio un incontro a cura di Marco Picinotti su quali social e chat usare, come e perché. Poi si passa all’azione, il 3 febbraio con Matteo Pelli, con un focus sulla produzione video: dall’idea allo storyboard, fino alla postproduzione. E se gli algoritmi cominciassero anche a generare l’arte? Se ne parla il 25 febbraio con Francesco D’Isa, con un laboratorio sui possibili usi dell’intelligenza artificiale nel mondo delle arti grafiche, attraverso Midjourney, un software capace di creare immagini a partire da una descrizione testuale. Il laboratorio verrà replicato alle 17, per un secondo appuntamento aperto a tutti, senza limiti di età.

PER GLI ADULTI. Il 18 novembre si va alla scoperta di quei piccoli tool che possono semplificare la vita, da Google Workspace agli strumenti di video editing online e quelli di progettazione grafica. A cura di Cinzia Giovani e Marco Picinotti. Grazie alle nuove tecnologie, tutti possono essere giornalisti: ma come farlo nel modo giusto? Con Marco Maisano si diventa videogiornalisti per un giorno, il 22 dicembre, con un pomeriggio su citizen journalism, reporting e videomaking: dall’intuizione, alla pianificazione di un’inchiesta fino al crowdfunding. E poi la produzione e post-produzione di un lavoro giornalistico, la crossmedialità sui canali digitali e la promozione. Il 16 marzo il Comune di Figline e Incisa presenta tutti i suoi servizi online, spiegando quanto sia semplice utilizzarli per i pagamenti, le iscrizioni ai servizi scolastici o per ricevere informazioni sempre aggiornate direttamente sullo smartphone. Chiude il programma, il 24 marzo, l’incontro “Oltre il digital divide”, un laboratorio sul mondo di internet per chi ha meno dimestichezza con la rete.

PER LE IMPRESE.  Il 18 gennaio si approfondiranno i concetti di immagine coordinata del brand e social media marketing, con un focus specifico sui trend del 2023. Con Gabriele Figus di Digital Angels, il 18 marzo si parla invece di comunicazione strategica: come, quando e perché parlare e far parlare di sé online. Dalla brand image, alla brand awareness, l’engagement, i software per la gestione del marketing. Come impostare e rendere efficace una campagna di advertising su tutti i principali canali social, come misurare e utilizzare i dati insight.

“La missione di THiNK non può esaurirsi nei tre giorni del festival. La grande risposta del pubblico, per numeri e per coinvolgimento, che abbiamo registrato anche nella seconda edizione appena conclusa, ci spinge a fare di questa rassegna un percorso lungo tutto l’anno. Siamo convinti che le nuove tecnologie offrano enormi opportunità di inclusione e sviluppo, se sapremo affrontarle con la giusta consapevolezza. Per questo la nostra Amministrazione ha voluto rilanciare l’investimento su THiNK creando il Think Lab, un grande programma di alfabetizzazione al cambiamento aperto a tutti, dai più piccoli agli anziani, dai semplici curiosi ai professionisti”, spiega l’assessore alla Transizione digitale Dario Picchioni.

Glenda Venturini
Glenda Venturini
Capo redattore

Articoli correlati