08, Dicembre, 2022

Centocinquant’anni di vita del Teatro Garibaldi: una serata per celebrare il traguardo, in un video la sua storia

Più lette

In Vetrina

Una serata di festeggiamenti per il Teatro Garibaldi di Figline: è in programma il 5 novembre, dedicata ai 150 anni dalla fondazione del teatro e alla sua cinquantesima stagione di prosa. Dalle 21, via alle celebrazioni ma anche al dibattito, per riflettere sul presente e sul futuro della cultura, teatrale e non solo, anche in relazione al periodo post pandemico. Saranno presenti: Eugenio Giani, Presidente della Toscana; Giulia Mugnai, Sindaca di Figline e Incisa Valdarno; Marco Parri, Direttore Generale Fondazione Orchestra Regionale Toscana; Marco Giorgetti, Direttore Generale Fondazione Teatro della Toscana; Agnese Fedeli, Direttrice FlorenceTV.

A seguire, un vero e proprio focus sulla storia del Garibaldi, proiettata su maxischermo e raccontata dallo stesso teatro, in formato documentario, con le immagini e le interviste ai personaggi che hanno contribuito ai cambiamenti del Teatro, girate sul territorio dal regista Bartolomeo Pampaloni. La voce narrante è invece quella di Francesco Pannofino, che per l’occasione interpreta il Teatro comunale Garibaldi.

Inoltre, nel corso della serata, Gaia Nanni porterà in scena dei monologhi teatrali nel suo stile ironico (sulle varie tipologie di spettatori e sulle donne nel mondo dello spettacolo) e coinvolgente (sulle donne in Ucraina).

I festeggiamenti per i 150 anni faranno da preludio alla partenza della nuova Stagione del Garibaldi, che è alle porte. Via quindi alla nuova campagna abbonamenti, che sarà possibile sottoscrivere fino a sabato 12 novembre presso la biglietteria del teatro. Oltre alla stagione di Prosa (che porterà sul palco figlinese attori del calibro di Sergio Castellitto, Amanda Sandrelli, Ambra Angiolini, Ale & Franz, la coppia Massimo Ghini e Paolo Ruffini e tanti decani del teatro italiano tra i quali Nini Salerno e Franco Branciaroli) e di Concertistica (sei concerti dell’Orchestra della Toscana, di volta in volta affiancata da giovani direttori e solisti emergenti), sono tanti gli appuntamenti “extra stagione”, per scoprire la storia e i luoghi più insoliti del Garibaldi. Nel dettaglio, il cartellone include:
i pomeriggi per tutta la famiglia di “Scopriamo il Garibaldi!”, iniziativa pensata per bambini e famiglie che scopriranno (grazie alla guida di un personaggio in maschera) palchi, palchetti, palcoscenico, camerini e segreti dell’edificio e della sua storia (prenotazione obbligatoria; costo: 5 euro); il ritorno di “L’ombrello di Noè a… Figline!” un percorso alla scoperta della storia del teatro e del suo retropalco, tra foyer, camerini, palcoscenico, platea e palchi, durante il quale la Compagnia delle Seggiole, specializzata in “viaggi teatrali”, vestirà di volta in volta i panni di un protagonista della storia figlinese (evento gratuito, con prenotazione obbligatoria); la prima volta degli spettacoli di teatro di ricerca nella soffitta del Garibaldi, con “Ceneri” (prima data 25 novembre, evento gratuito), a cura della Compagnia Cantiere Artaud, prodotto dal Comune e pensato proprio per gli spazi del Teatro Garibaldi.

Glenda Venturini
Glenda Venturini
Capo redattore

Articoli correlati