27, Novembre, 2021

Bright 2021: la notte europea delle ricercatrici e dei ricercatori si amplia in un evento di tre giorni

spot_img

Più lette

Questa mattina, al Centro di GeoTecnologie è stata presentata la manifestazione che chiuderà il ricco calendario di eventi per il Settembre sangiovannese. Bright 2021, la notte europea delle ricercatrici e dei ricercatori è la manifestazione ideata dalla Commissione Europea con l’obiettivo di diffondere la cultura scientifica. Si festeggia l’ultimo venerdì e sabato di settembre, quest’anno il 24 e 25 settembre. E anche San Giovanni Valdarno non ha voluto mancare lo speciale appuntamento.“Brilliant Researchers Impact on Growth Health and Trust in research”: i ricercatori di talento hanno un impatto sulla crescita, la salute e la fiducia nella ricerca. Questo significa la parola Bright.

Sostenibilità, ambiente, clima, salute, tecnologia, società, musica. Sono solo alcuni dei temi che saranno affrontati nelle tre giornate di appuntamenti per incontrare la scienza e la ricerca attraverso i diretti protagonisti. “Siamo lieti – hanno dichiarato il sindaco Valentina Vadi e gli assessori Fabio Franchi e Nadia Garuglieri – di presentare questa tre giorni sangiovannese dedicata a Bright, la notte europea delle ricercatrici e dei ricercatori. Il fatto che San Giovanni sia sede delle iniziative di Bright 2021, figurando a fianco dei capoluoghi di provincia sedi universitarie, è indubbiamente motivo di orgoglio per tutti noi. L’orizzonte e le attività di Bright si estendono coinvolgendo anche le scuole. Dopo aver parlato di scienza e musica nel primo incontro con Marco Ciardi e Antonella Gasperini sul pianoforte di Einstein, e dopo la giornata dedicata ai laboratori su scienza e ambiente, Bright a San Giovanni trova la sua degna e autorevole conclusione nell’incontro con il professor Mauro Ferrari, tra i più eminenti scienziati al mondo, la cui storia e il cui rapporto con San Giovanni sono emblematici.”

“Un rapporto nato quando lo scienziato, allora studente liceale a Firenze, per un anno ha giocato nella squadra cadetti del Galli. Un rapporto che da allora non si è mai interrotto, e che anzi ha portato lo scienziato a mantenere negli anni un legame speciale e continuativo con gli ex compagni e l’allenatore di un tempo.” – spiega Vincenzo Lorenzini, amministratore unico Ssd Palagalli e presidente Associazione culturale Calamita. Il titolo della conferenza è – Concerto di Mauro Ferrari: “Scienza, musica e sport: tre modi per essere al servizio della comunità”.Una comunità che adesso, ospitando il Cgt e una robusta rete di istituzioni scolastiche, marca la propria presenza anche nel campo della ricerca e della formazione, e può presentarsi con autorevolezza nel cartellone degli eventi nazionali di Bright.

Il legame di Mauro Ferrari con San Giovanni Valdarno e con il Palagalli nasce dal fatto che, durante gli anni del liceo classico, che frequentava a Firenze dove la famiglia si era trasferita per lavoro, ha giocato nel Galli, ed ha sempre considerato quell’esperienza una tappa fondamentale per la formazione del suo carattere, al punto tale da mantenere sempre, anche quando ormai scienziato affermato in Usa, un rapporto continuativo e speciale con il Galli e con il suo allenatore di allora, Vincenzo Lorenzini – il quale conclude: “Un’iniziativa, quella di sabato, a tre punte che unisce scienza, musica e sport e che ci auguriamo possa coinvolgere e interessate l’intera comunità”.

“Un evento annuale con la ricerca – ha commentato il presidente del Centro di GeoTecnologie Riccardo Salvini – promosso dall’Università di Siena, che rappresenta il momento in cui il territorio e l’Università̀ si incontrano, dialogano, si integrano e si sovrappongono, si contaminano e festeggiano insieme la ricerca a favore della cittadinanza e degli studenti. Desidero ringraziare i colleghi docenti della sede di Siena, oltreché gli insegnanti dei licei Giovanni da San Giovanni e dell’Isis Valdarno i quali, assieme a ricercatori di altri enti pubblici e privati per la disponibilità e lo spirito di collaborazione con cui hanno accolto la proposta. Mi auguro che tutto si svolga nel migliore dei modi e che anche il concerto della sera del cantautore Lorenzo Baglioni, da noi fortemente voluto per rafforzare il messaggio della comunicazione della ricerca, della sua importanza e dei suoi risultati, sia di positivo impatto per tutti i partecipanti.”

Tutti gli eventi in calendario sono gratuiti. È fortemente consigliata la prenotazione che può essere effettuata all’ufficio della Pro Loco, telefonando al numero 055 9126268, inviando una mail a info@prolocosangiovannivaldarno.it o sul sito prolocosgv.eventbrite.it. La partecipazione all’evento Bright del pomeriggio del 24 settembre è aperta a tutti.

Qui il programma completo: manifesto_BRIGHT

 

Articoli correlati