18, Agosto, 2022

Aprile a Palomar: presentato il cartellone di eventi con “Le piazze del sapere”

Più lette

In Vetrina

Saranno sei gli appuntamenti di questo mese a Palomar con la rassegna di promozione della lettura organizzata dal Comune di San Giovanni Valdarno in collaborazione con Unicoop Firenze – Bibliocoop di San Giovanni Valdarno, Associazione culturale Pandora, Anpi Valdarno e fotoclub Il Palazzaccio. Fra questi anche due significativi eventi legati alla festa della Liberazione. Il programma si è aperto ieri con l’inaugurazione della mostra dell’artista Sama Cabra.

La rassegna si apre con l’inaugurazione della mostra Dolce Distopia, del giovane artista sangiovannese Samuele Frattasio, in arte Sama Cabra. Opere dark fantasy di surrealismo realizzate con la pittura digitale. L’esposizione, realizzata in collaborazione con il Fotoclub Il Palazzaccio, rimarrà allestita fino a sabato 30 aprile, giorno in cui l’artista, alle 18, presenterà la sua graphic novel “La maschera della tessitrice” (Weird book). Nella città di Mistville, che richiama le forme e i sapori delle opere di Tim Burton, vive Scarlett, una rinomata sarta, alla quale viene affidata la realizzazione delle maschere per il grande ballo che si tiene ogni anno. Scarlett però non è felice, non si riconosce in quel mondo in cui tutto è all’apparenza perfetto, e i suoi pensieri sono cupi, intrusivi. Il lavoro per realizzare le maschere è tanto ma una donna che si fa chiamare “la Tessitrice”, fa a Scarlett una richiesta che suggella un patto di sangue, infrangibile.

Oggi, sabato 2 aprile alle 17,30 sarà recuperato l’atteso evento che avrebbe dovuto svolgersi venerdì 11 marzo. Il giornalista Jacopo Storni, intervistato da Lapo Verniani, presenterà il suo libro “Fratelli. Viaggio al termine dell’Africa” (Castelvecchi Editore). Giunto in Etiopia per testimoniare i massacri dell’esercito nella regione dell’Ogaden, Jacopo Storni viene arrestato senz’accuse dai militari. Una prigionia condivisa con Mohamed, il ragazzo etiope di etnia somala che l’aveva accompagnato come interprete. Sono giorni tra la vita e la morte. I due coetanei, uno nato in una latrina d’Africa e l’altro nella ricchezza occidentale, esorcizzano la paura parlando dei loro mondi agli antipodi. Ne nascono riflessioni sul senso della vita, sulla morte, sulle ingiustizie, su Dio, in un confronto perpetuo tra Africa e Occidente.

Sabato 9 aprile alle 11 si svolgerà la presentazione del libro “Drusilla e i riccioli magici” di Claudia Ciabattini (Edizioni Elicon). L’autrice, intervistata da Irene Cuccuini, racconterà la storia di Drusilla e del suo dono speciale: regala la sua anima alle persone che le stanno intorno. I suoi pensieri si intrecciano con i suoi riccioli e danno vita ad un mondo fantastico e ricco di meraviglie. Questo mondo così intimo e prezioso inizia ad essere, per Drusilla, un bagaglio pesante da portare addosso nel momento in cui decide di mostrare a tutti i suoi compagni la magia dei suoi riccioli: sarà costretta ad intraprendere un difficile viaggio dentro se stessa per capire che mostrarsi per quello che si è realmente, è la sola opzione per creare dei legami di valore, perché in fondo “chi ci guarda con amore non vede nient’altro che la nostra anima”.

Si prosegue sabato 9 aprile alle 17,30 con la presentazione del libro “Catarsi. Il caso di Alice” dell’autrice sangiovannese Laura Del Veneziano (edizione Setteponti). Cosa è accaduto ad Alice? Attraverso un confronto, capace di cogliere il divenire della vita, considerato nei suoi principali indirizzi contemporanei, quali il “referenzialismo”, il “neoidealismo”, lo “strutturalismo” e l’indagine psicologica (quest’ultima realizzata nella sua organicità), l’autrice Laura Del Veneziano va ad esplorare aree che sono, poi, punto di raccordo e, allo stesso tempo, centro e fondamento nascosto, atto a svelare l’essenza, talora inimmaginabile, ma immutabile di ogni mutamento.
Oltre all’autrice, interverranno la critica letteraria e d’arte Lia Bronzi e l’editore e critico letterario Enrico Taddei. Le letture di brani estratti dal libro saranno a cura di Laura Becattini, regista di teatro .

In occasione del 25 aprile, Festa della liberazione, Palomar ha organizzato due significativi eventi in collaborazione con Anpi Valdarno, in calendario il 22 e 29 aprile, che incorniceranno le celebrazioni istituzionali organizzate dall’Amministrazione comunale. Venerdì 22 aprile alle 17,30 si svolgerà la presentazione del libro “Il coraggio di Marisa. Dalla Resistenza in Italia alla vita in America”, di Margherita Fray (Betti Editrice). Dopo i saluti del sindaco e dell’assessore, a cui si aggiungerà quello del presidente di Anpi Valdarno Giuseppe Morandini, interverranno Giuliano e Luca Giorgetti, promotori dell’edizione italiana e traduttori e Paolo Ciampi, giornalista e scrittore. Sarà in collegamento video l’autrice. Il libro autobiografico della novantaseienne Margherita Bertola Fray è un susseguirsi di fasi caratterizzate da frenetici alti e bassi, che il destino le ha sempre riservato, dalle drammatiche, e purtroppo adesso attuali, vicende di staffetta partigiana a Torino, a quelle altrettanto incredibili che ne hanno segnato la vita negli Stati uniti, dopo il suo matrimonio con un ufficiale americano.

Venerdì 29 aprile alle 17,30 Nicola Coccia presenterà il libro “Strage al Masso delle Fate. Ottone Rosai, Bogardo Buricchi ed Enzo Faraoni dal 1993 alla liberazione di Firenze” (Edizioni Ets). Il libro racconta l’attività di una piccola formazione partigiana guidata da un poeta e da un pittore fino al più importante attacco alle linee ferroviarie dell’Italia centrale e alla fabbrica di armi. Gli effetti di questo assalto si intrecciano con la vita di Ottone Rosai nella cui casa si rifugia Bruno Fanciullacci, il gappista più ricercato della Toscana, ma anche con l’uccisione di Giovanni Gentile e con la cattura del famigerato Mario Carità e del suo degno allievo Pietro Koch che per una settimana aveva rinchiuso in un armadio Luchino Visconti. Una serie di persone e fatti concatenati nella Firenze degli anni ’30 e ’40, dove la gente era affamata d’arte, poesia e libertà. Quindici anni di ricerche e interviste fino al ritrovamento all’Archivio centrale dello Stato di un documento inedito che svela, finalmente, la destinazione di tonnellate di tritolo che i tedeschi avevano destinato a quattro città per rallentare l’avanzata Alleata. Oltre all’autore interverranno Giuseppe Morandini, presidente Ampi Valdarno e il giornalista Francesco Tozzi.

Per partecipare agli eventi è consigliata la prenotazione scrivendo a palomar@comunesgv.it o chiamando il numero 055 9126303.

Articoli correlati