18, Agosto, 2022

Alla “Marsilio Ficino” arrivano le litografie di Venturino Venturi: 12 acquerelli mai esposti prima

Più lette

In Vetrina

Si chiama “Minimalia” la mostra di litografie di Venturino Venturi visitabile dal prossimo 2 aprile al 28 maggio alla biblioteca Marsilio Ficino di Figline. Bambini che giocano o che si prendono per mano, “quadretti” familiari, paesaggi valdarnesi, frutta: in tutto 12 acquerelli su carta, mai esposti prima, che verranno esposti nel ventennale della scomparsa dell’artista e inserita nel cartellone (di 32 eventi complessivi) “Primavera in biblioteca”.

L’inaugurazione è fissata sabato 2 aprile alle 15.30, nel corso di una giornata di iniziative in biblioteca che impegneranno grandi e piccini fin dal mattino con: un laboratorio per bambini, una lezione di meditazione e mindfulness, la presentazione del fumetto “Le avventure di Dantino”, alla presenza dell’autore Silvio Biagi e dell’illustratrice Alice Rovai che coinvolgeranno adulti e bambini anche in un laboratorio artistico a tema “Divina Commedia”.

 

All’inaugurazione saranno presenti l’assessore alla Cultura, Dario Picchioni e Lucia Fiaschi, nipote di Venturino Venturi, storica, insegnante di arte contemporanea e curatrice dell’Archivio Venturino Venturi.

“Siamo molto orgogliosi – commenta l’assessore Picchioni – di poter ospitare le litografie mai esposte di questo artista valdarnese, nato a due passi dal nostro comune, e contribuire ad omaggiarlo e a promuoverne la memoria nel ventennale della sua morte. Si tratta di opere realizzate tra gli anni ’80 e ’90 nei suoi momenti di svago, quando aveva comunque l’abitudine di munirsi di carta o cartone e disegnare il mondo che lo circondava oppure lasciarsi ispirare dalle letture della sua infanzia, come le ‘Avventure di Pinocchio’, uno dei testi sui quali imparò l’italiano mentre viveva in Francia e al quale, come dimostrano le sue creazioni, era molto affezionato. Queste ed altre curiosità sull’artista potranno esser scoperte sabato 2 aprile, direttamente dalla voce dei suoi discendenti che curano l’Archivio a lui dedicato, che ringrazio per la disponibilità nell’organizzazione di questa iniziativa a Figline”.

Articoli correlati