29, Novembre, 2022

“Adotta un albero e crescerà con te”: 800 piante in dono ai ragazzi delle scuole medie

Più lette

In Vetrina

Saranno donati ai ragazzi delle scuole medie di Montevarchi per promuovere il rispetto dell’ambiente: sono 800 piante di nocciolo, corniolo e alloro, messi a disposizione per il progetto “Adotta un albero e crescerà con te” da aziende sponsor del territorio: Gfi, Tipografia la Zecca, Lions Club Valdarno Masaccio, Transarno Trasporti Logistica.

Un progetto voluto dall’Amministrazione comunale di Montevarchi, come spiega la prima cittadina Silvia Chiassai Martini: “Il progetto green è nato dall’idea del consigliere comunale Lorenzo Becattini e sostenuto subito dalla Giunta. Grazie agli sponsor che hanno dimostrato una grande attenzione ai temi ambientali, è stato coperto il costo economico dell’iniziativa. I ragazzi delle medie riceveranno in dono una pianta di cui dovranno prendersi cura sensibilizzando anche la famiglia nella tutela dell’ambiente. Un progetto che è linea con i tanti promossi da questa Amministrazione, in particolare sulla diffusione di una cultura basata sul rispetto della natura con il coinvolgimento dei più giovani. Per la Giornata nazionale dell’albero abbiamo piantato due lecci all’ingresso della scuola Primaria di Levanella per accompagnare i bambini nella loro crescita. Con il contributo dei Carabinieri Forestali, abbiamo piantumato una ginestra odorosa nella scuola Primaria Isidoro del Lungo avendo come punto di riferimento l’entusiasmo degli alunni. Con questo dono, pensiamo al futuro raggiungendo direttamente le famiglie per vincere la sfida globale di salvaguardare il pianeta partendo dalle piccole azioni di ogni giorno”

“Non posso che unirmi ai ringraziamenti del Sindaco agli sponsor – aggiunge l’assessore alla Scuola Sandra Nocentini- perché è un’iniziativa importante che mette insieme i giovani e le piante, la cura di un bene primario, i suoi cambiamenti, fino ai suoi frutti. Un modo per avvicinare i ragazzi alle fasi di crescita della natura, con un loro impegno in prima persona nello sviluppo”

 

Glenda Venturini
Glenda Venturini
Capo redattore

Articoli correlati