17.09.2013  11:45

Vicenda Tav: nelle intercettazioni i conferimenti della terra a Santa Barbara. Ferri: "Preoccupato solo dei tempi"

di Monica Campani
Dagli atti del Gip verrebbero alla luce gli obiettivi degli indagati: non avere ostacoli per il conferimento delle terre della Tav di Firenze nell'area ex mineraria di Santa Barbara. "Se qualcuno ha sbagliato dovrà pagare - afferma il sindaco Ivano Ferri - Nel nostro territorio possono arrivare soltanto quelle terre sottoposte a capillari controlli"


commenti

Leggi i Dossier:  Terre della Tav

Data della notizia:  17.09.2013  11:45

Dalle carte del Gip sembrerebbe chiaro l'obiettivo degli indagati: portare senza impedimenti  le terre di scavo della Tav di Firenze nell'area ex mineraria di Santa Barbara a Cavriglia. Per questo il dirigente della Regione Toscana che riteneva quel materiale rifiuto speciale e quindi da trattare sarebbe stato trasferito. Sempre secondo le carte e le intercettazioni la commissione Via, valutazione impatto ambientale, ministeriale sarebbe stata pilotata  "con il preciso intento di far apparire l’assenza di problemi ambientali”.

Non entra nel merito della vicenda giudiziaria relativa alla Tav di Firenze e degli ultimi sviluppi in ordine di tempo il sindaco di Cavriglia Ivano Ferri. Si limita a dire che "se qualcuno ha commesso qualche sbaglio è giusto che paghi". Continua invece a sottolineare che nel territorio di Cavriglia possono arrivare soltanto quelle terre sottoposte a capillari controlli e ritenute 'pulite'.

"In questo senso c'è un accordo firmato tra comune, Arpat e Regione - afferma Ferri - Abbiamo preteso controlli specifici e verifiche capillari. Se non sono 'pulite' le rimandiamo indietro. A Cavriglia i rifiuti, per realizzare le due collinette, non entrano. Da questo punto di vista sono tranquillo.  I controlli richiesti ci consentono di appurare se il materiale proveniente dalla Tav e portato a Santa Barbara è buono oppure no".

"Sono invece preoccupato per i tempi che a causa della vicenda giudiziaria rischiano di allungarsi. Con i proventi dei conferimenti delle terre della Tav, infatti, devono essere realizzati alcuni importanti lavori per la viabilità, a cominciare da quelli al Porcellino. Adesso gli interventi potrebbero subire uno slittamento".




Cronaca / Politica

 
comments powered by Disqus
Julian Carax
Un.Dici
Non è da tutti — almeno a queste latitudini — il privileg...
Roberto Riviello
Controcorrente
Forse ce n’eravamo dimenticati, in questi ultimi an...