14.07.2017  15:05

“Vedo la gente Enzo Brogi”: la satira si scatena su Facebook

di Davide Torelli
L’ex Consigliere Regionale e Sindaco di Cavriglia, protagonista di una pagina satirica apparsa recentemente sul social più conosciuto.


commenti

Data della notizia:  14.07.2017  15:05

Una nuova pagina satirica sul Social più frequentato, una produzione copiosa di grafiche a sfondo comico presumibilmente tutte valdarnesi, con protagonista Enzo Brogi.

Si tratta della Fanpage “Vedo la gente Enzo Brogi”, un progetto ironico composto da una serie di montaggi fotografici, ispirati da numerosi riferimenti culturali moderni ed avvenimenti storici passati, dove attraverso modifiche ad hoc appare un Brogi onnipresente. Quasi a volerne testimoniare, ironizzando, la sua capacità di partecipazione continua e costante laddove qualcosa di rilevante accada (o sia accaduto).

La foto principale della pagina è, ad esempio, la modifica di una delle copertine più curiose nella storia della musica moderna: quella di “Sgt. Pepper’s lonley hearts club band” dei Beatles.  Proprio la particolarità relativa al numero di personaggi citati fotograficamente nel progetto grafico a presentazione dell’album, viene inevitabilmente risolta con la presenza di altrettante facce di Brogi, quanti i personaggi rappresentati. Ma lo stesso vale per tutti i restanti montaggi ad ora pubblicati, dove Brogi appare protagonista di altre copertine di album  storici, di film conosciutissimi, addirittura in Piazza Tienanmen a fermare i carri armati nel 1989.

Mi inquieta un pó sapere che qualcuno, senza volto e senza nome, passa così tanto tempo a divertirsi sulla mia faccia, sulle mie consuetudini, ma non posso che complimentarmi!scrive Enzo Brogi, affidandosi alla sua pagina Facebook personale.  

Apprezzo. Sono spiritosi, anche se non tutte mi piacciono” facendo ovviamente riferimento alle grafiche e soprattutto ad alcuni dei commenti di accompagnamento.

Indubbiamente gli anonimi autori del tutto dimostrano una geniale propensione per la satira e l’ironia, regalando indirettamente a Brogi l’onore di un filone ironico a lui dedicato, cosa che effettivamente non è proprio da tutti. 

Politica / Cultura

 
comments powered by Disqus