11.05.2018  14:12

Variante alla Sr69 nel tratto del Valdarno fiorentino: consegnati i lavori del primo lotto

di Glenda Venturini
Partono i lavori per una delle opere più attese per la viabilità nel territorio del Valdarno fiorentino. Questo primo lotto riguarda il tratto dalla località Ciliegi a Prulli, per uno sviluppo di circa 1500 metri e una nuova rotatoria: investiti 4 milioni di euro


commenti

Data della notizia:  11.05.2018  14:12

Sono stati consegnati ieri i lavori del primo lotto della variante sulla riva destra dell'Arno della SRT 69 ‘di Valdarno'. Parte insomma uno dei cantieri più attesi, per migliorare la viabilità in Valdarno fiorentino: "L'intero intervento, che si sviluppa nel territorio della Città Metropolitana di Firenze - ha spiegato l'assessore regionale alle infrastrutture Vincenzo Ceccarelli - consentirà  la realizzazione di un tracciato alternativo all'attuale Regionale, che si compone di cinque lotti e prevede il collegamento con l'intervento già interamente realizzato nel territorio della Provincia di Arezzo".

Questo primo lotto si inserisce soltanto nel territorio comunale di Reggello, fra Ciliegi e Prulli: il progetto, sviluppato internamente al Settore Progettazione e Realizzazione viabilità regionale Firenze, Prato e Pistoia, riguarda l'adeguamento alle caratteristiche di "strada extraurbana secondaria" (categoria C1) della esistente strada comunale di Pian di Rona, nel Comune di Reggello, dalla località Ciliegi a Prulli, per uno sviluppo di circa 1500m.

Si procederà con l'allargamento della sede stradale ad una larghezza di 10,50 metri, e con la realizzazione di una rotatoria all'incrocio dei Ciliegi, proprio a partire dalla attuale SRT 69, migliorando così la viabilità e mettendo in sicurezza quel punto, oggi molto pericoloso. "L'intervento – ha aggiunto Ceccarelli - ha l'obiettivo di migliorare il livello di servizio e sicurezza della strada esistente".

Il costo per l'intervento sfiora i 4 milioni di euro e i lavori si dovrebbero concludere in un anno. L'impresa affidataria è il raggruppamento temporaneo di imprese composto da La Calenzano Asfalti S.p.A. (capogruppo-mandataria) e Varia Costruzioni s.r.l. (mandante). La gara si è svolta con il sistema dell'Offerta Economicamente più vantaggiosa e fra i criteri premianti della gara vi erano, fra gli altri, la cura dell'informazione all'utenza e la cura della cantierizzazione per la riduzione del disagio all'utenza e per pregio ambientale (riduzione del rumore).

Il progetto del terzo lotto, anch'esso sviluppato internamente, è stato approvato lo scorso dicembre ed il bando di gara è in pubblicazione: riguarda il tratto della Pian di Rona che va da Prulli fino a Matassino, e che sarà dunque il prossimo nel quale si potranno vedere i lavori. 

Cronaca

 
comments powered by Disqus