18.11.2013  11:00

Vanni Santoni presenta il suo "Terra ignota" al Pisa Book Festival

di Glenda Venturini
L'autore ha presentato il primo volume di una trilogia fantasy pubblicata da Mondadori. Tra i valdarnesi protagonisti all'appuntamento letterario pisano, oltre a Santoni, ci sono anche i responsabili di "Settore8", piccola casa editrice indipendente, l'unica presente al Pisa Book Festival di tutta la provincia di Arezzo


commenti

Data della notizia:  18.11.2013  11:00

Valdarno protagonista al Pisa Book Festival, appuntamento annuale con la piccola e media editoria indipendente. A partire dalla presenza dello scrittore montevarchino Vanni Santoni, che al festival letterario pisano ha presentato le ultime sue fatiche letterarie.

Tra queste “Terra Ignota”, primo volume di una trilogia fantasy pubblicata da Mondadori: la presentazione davanti ad una interessata ed entusiasta platea di studenti, la generazione che generalmente ama di più il genere fantasy. Il volume narra la storia di Ailis, sopravvissuta a feroci guerrieri che hanno portato morte e distruzione nel suo villaggio e rapito la sua amica Vevisa: una storia destinata a divenire una saga che farà sognare gli amanti del fantasy e del genere avventuroso.

Santoni si è poi intrattenuto con Laura Bonechi, che presso lo stand di Settore 8 editoria promuoveva il libro di recente uscita “Ricasoli, storia di un castello e di una comunità”, curato da Fulvio Bernacchioni. Lo stand di Settore8 editoria, piccola casa editrice indipendente tutta valdarnese, era l'unico a rappresentare la provincia di Arezzo al Pisa Book Festival.

Maurizio Baldi, uno dei soci della società editrice ha espresso parole positive per iniziative che tendono a promuovere la diffusione della lettura. “Il periodo economico - ha dichiarato - non è dei più felici ma sono convinto che la piccola editoria svolga una funzione importante per valorizzare aspetti culturali che altrimenti non troverebbero spazio nei grandi network editoriali nazionali ed internazionali”. 

Cultura

 
comments powered by Disqus