12.07.2016  18:21

#ValdarnoNoSlot, lunedì a Terranuova la riflessione sul Regolamento Intercomunale del Valdarno

di Federica Crini
Il 18 luglio a Terranuova "Io gioco ma non d'azzardo" con l'onorevole Lorenzo Basso, l'onorevole Marco Donati e la consigliera regionale Valentina Vadi. "Occasione per confrontarci e chiedere il loro contributo per la costruzione del regolamento"


Prima le mozioni approvate nei consigli comunali di zona, poi l'incontro con l'assessore regionale Stefania Saccardi, il convegno dal titolo “Non Giochiamoci la Vita” e l'esempio seguito a livello regionale da altri Consigli comunali di Valdisieve, Chianti, Empolese Valdelsa e Garfagnana.

Il lavoro del gruppo #ValdarnoNoSlot prosegue, adesso orientato sulla proposta di un Regolamento Intercomunale del Valdarno per il gioco consapevole e per la prevenzione della ludopatia. Proprio questo tema sarà affrontato lunedì 18 luglio alle ore 18 presso la sala consiliare di Terranuova nell'incontro "Io gioco ma non d'azzardo" alla presenza dell'onorevole Lorenzo Basso, Presidente dell’Intergruppo Parlamentare di Camera e Senato per la lotta al gioco d’azzardo, dell'onorevole Marco Donati e della consigliera regionale Valentina Vadi.

"Sarà l'occasione per confrontarci e chiedere il loro contributo per la costruzione del regolamento intercomunale, per capire come il nostro impegno possa essere sempre più attivo e concreto nei confronti del cittadino", spiegano i membri del gruppo composto da rappresentati della maggioranza, dell'opposizione, sindaci, assessori, esponenti del mondo politico valdarnese aretino e fiorentino. In comune hanno l'obiettivo di sensibilizzare l'opinione pubblica e le amministrazioni comunali del territorio su ludopatie e gioco d'azzardo.

Gli appuntamenti non finiscono: giovedì 14 e venerdì 15 luglio i rappresentanti di #ValdarnoNoSlot parteciperanno ai “Giochi senza Frontiere del Valdarno” assieme al Ser.T. e Libera Coordinamento Valdarno. "Non dobbiamo dimenticarci che il maggior lavoro passa dalla sensibilizzazione della società civile, dalla prevenzione e dalla conoscenza delle ludopatie e del gioco d'azzardo. Riteniamo che queste siano le armi più efficaci a nostra disposizione per combattere questo fenomeno, soprattutto su alcune aree degradate del territorio, dove si assiste alla proliferazione di attività dedicate alle scommesse. Il Ser.T. fornisce un grandissimo contributo ai malati ed effettua uno splendido lavoro nell'educazione nelle scuole".

Proprio in collaborazione con il Ser.T. nei mesi scorsi è stato organizzato un evento con la partecipazione dei ragazzi dell'Istituto comprensivo Masaccio di San Giovanni per l'adesione alla campagna nazionale lanciata da SlotMob: l'appuntamento ha visto la realizzazione di un gioco-quiz "Per un pugno di euro", per raccontare ai giovani le problematiche legate al gioco d'azzardo e alle ludopatie.


 

Cronaca / Sociale

 
comments powered by Disqus