23.03.2021  17:48

Vaccino Covid, riaprono in Toscana le agende per le persone con elevata fragilità

di Glenda Venturini
Grazie alla nuova fornitura di siero Moderna, agende aperte dalle ore 19 di oggi, martedì 23 marzo


commenti

Leggi gli Speciali:  Covid-19: tutte le informazioni

Data della notizia:  23.03.2021  17:48

Riaprono oggi, martedì 23 marzo in Toscana, le agende dedicate alle persone con elevata fragilità (estremamente vulnerabili o con disabilità gravi), che abbiano già effettuato la registrazione: queste persone, e soltanto quelle che hanno già effettuato la registrazione, potranno prenotare il vaccino a partire dalle ore 19 di oggi 23 marzo. Le agende rimarranno aperte fino a esaurimento dosi.

L’arrivo della nuova fornitura di Moderna consente di mettere a disposizione 15mila dosi per questa fascia particolarmente fragile di popolazione, a fronte di circa 65mila richieste registrate sul portale fino a venerdì 19 marzo. Una risposta parziale rispetto al fabbisogno, che potrà essere ampliata solo con le successive forniture di Moderna.

Le registrazioni effettuate sul portale da sabato 20 marzo in poi sono ancora in fase di verifica e non possono per ora accedere alla prenotazione; quelle confermate potranno usufruire della prossima apertura.

Per coloro che stanno facendo una terapia con un farmaco immuno-soppressore o biologico, la Regione Toscana invita a consultare prima il proprio centro di riferimento per valutare se ci si trova nella situazione ideale per la vaccinazione. Il portale per la registrazione e la prenotazione è sempre lo stesso: https://prenotavaccino.sanita.toscana.it

Rimane, invece, valido l’appuntamento per le persone estremamente vulnerabili che sono già state contattate dalle aziende sanitarie per la somministrazione del vaccino. Fino a oggi, in Toscana, sono già state vaccinate 12mila persone estremamente vulnerabili, contattate direttamente dalle aziende sanitarie ospedaliere e territoriali, che le hanno in carico. Le prenotazioni saranno aperte solo per le persone affette dalle patologie previste nella categoria dell’elevata fragilità, mentre per i loro conviventi e/o caregiver verrà aperto successivamente un nuovo canale sul portale per la vaccinazione con AstraZeneca. I conviventi e/o caregiver indicati in fase di registrazione, in relazione alle patologie per le quali il piano nazionale prevede anche la loro vaccinazione, sono circa 20mila.

Le richieste delle persone con elevata fragilità, pervenute entro venerdì 19 marzo, sono state prese in carico dal sistema sanitario regionale e si dividono in tre gruppi (a ogni persona viene inviato un sms):

1) il primo gruppo raccoglie le registrazioni complete: le persone, che ne fanno parte, potranno accedere alla prenotazione, fino a esaurimento dosi. Ciascuna di loro, per effettuare la prenotazione, dovrà inserire il codice ricevuto via sms. Per coloro che non riusciranno a prenotarsi per esaurimento dosi, saranno aperte ulteriori agende in occasione delle nuove forniture, attese nelle prossime settimane.

2) il secondo gruppo riguarda le persone che hanno dichiarato di essere impossibilitate a muoversi: riceveranno un sms che conferma la presa in carico della richiesta e verranno ricontattate dalle aziende sanitarie per la vaccinazione a domicilio in tempi brevi.

3) il terzo gruppo riguarda le richieste in fase di analisi da parte delle aziende sanitarie, ospedaliere e territoriali: si tratta di persone che non hanno potuto indicare un codice di esenzione, compilare altri campi o che hanno lasciato le domande incomplete. Si tratta di situazioni molto diverse tra loro, che necessitano di essere verificate una per una. Chi rientra in questa categoria non può usufruire dell’apertura di oggi delle prenotazioni, ma riceverà comunque un sms di conferma della presa in carico della richiesta, in attesa dell’esito della verifica da parte delle aziende sanitarie. Se l’esito della verifica sarà positivo, riceveranno un nuovo smso in occasione delle prossime aperture delle agende con il vaccino Moderna.
 

Sociale

 
comments powered by Disqus