28.11.2013  12:17

Treni al gelo, i consiglieri regionali del Nuovo Centrodestra: "Episodi insostenibili e indegni, pronti ad appoggiare i pendolari"

di Glenda Venturini
Il gruppo regionale Ncd all'attacco: "Basta promesse a perdere, dopo anni di battaglie per i pendolari del Valdarno arriva solo una carrozza in più. Marmata, per giunta". I consiglieri Magnolfi, Taradash, Agresti e Benedetti annunciano: "Pronti a studiare con i pendolari una piattaforma di interventi concreti"


"Al freddo e al gelo come in un presepe: peccato invece che accada sui treni, nello specifico sui regionali utilizzati dai pendolari di Arezzo e del Valdarno". Dopo la denuncia di ieri, del consigliere regionale Pd Enzo Brogi, ora anche il gruppo del Nuovo Centrodestra parte all'attacco sulla questione delle condizioni di viaggioa  bordo dei treni regionali dei pendolari valdarnesi. 

"Ieri i pendolari si sono praticamente cristallizzati per le temperature polari. Causa? Gli impianti di riscaldamento che non funzionano. E se funzionano talvolta è pure peggio, dato che sul regionale 11673 delle 18.33 da Firenze a Arezzo l’altro ieri era partita in grande spolvero l’aria condizionata". 

Il gruppo regionale del Nuovo Centrodestra, composto dal capogruppo Alberto Magnolfi, dal vice Marco Taradash e dai consiglieri Andrea Agresti e Roberto Benedetti, si dice pronto a prendere in pugno la situazione: "Le odissee dei cittadini che quotidianamente si spostano col treno, nel Valdarno e ad Arezzo ma non solo, sono insostenibili e indegne di una terra civilizzata. In particolare per questa tratta afflitta da ritardi sistematici ma che resta malgrado ciò perennemente esclusa dai bonus, con un danno cui mensilmente si aggiunge quindi la beffa". 

"Siamo pronti a batterci al fianco dei cittadini in maniera costruttiva e propositiva, elaborando con loro proposte concrete per formulare una piattaforma da presentare alla giunta regionale. Non è pensabile – aggiungono i consiglieri – che dopo anni di questo andazzo e di promesse da parte della giunta regionale finite come vuoti a perdere, uno dei rari risultati ottenuti sia stato, pochi giorni fa, l’annuncio di una carrozza in più entro fine anno per i due Vivalto che percorrono la tratta Firenze-Arezzo. A vedere il governatore Enrico Rossi e l’assessore ai trasporti Vincenzo Ceccarelli che dalle pagine dei giornali fanno la voce grossa per poi portare a casa solo briciole par di assistere a un gioco delle parti sempre più imbarazzante. Noi non ci stiamo, soprattutto in una fase in cui giustamente si invitano i cittadini a una mobilità pubblica che, però, per essere praticabile, deve saper coniugare la sostenibilità ambientale alla vivibilità del servizio offerto". 

Cronaca

 
comments powered by Disqus
Roberto Riviello
Controcorrente
Forse ce n’eravamo dimenticati, in questi ultimi an...
Julian Carax
Un.Dici
Non è da tutti — almeno a queste latitudini — il privileg...