07.11.2011  08:16

Tradizione e castagne alla “Festa dei 100 ceppi”

di Federica Crini
Si è svolta domenica presso la frazione di Poggio di Loro


commenti

Data della notizia:  07.11.2011  08:16

Castagne, ceppi di legno illuminati dal fuoco che ardeva all’interno e molte persone tra i vicoli del paese di Poggio di Loro, frazione di Loro Ciuffenna. Domenica pomeriggio sono stati molti i valdarnesi che hanno partecipato alla festa dei 100 ceppi e hanno degustato alcuni prodotti locali in un percorso gastronomico tra le vie del paese.
 
Come racconta Roberta, una dei membri dell’Associazione Uniti per Poggio, “la festa è giunta al quarto anno, ma in realtà riprende una tradizione praticata in montagna da coloro che lavoravano tutto il giorno nel bosco, che una volta era il luogo in cui si sviluppava la vita quotidiana”. Poco prima del calare della sera, i contadini accendevano il fuoco all’interno di ceppi di legno cavi, in modo da evitare che le fiamme potessero propagarsi: venivano utilizzati per riscaldarsi, per compagnia e per illuminare il versante della montagna.
 
Oggi la tradizione rivive in questa festa locale, con alcuni ceppi di legno di castagno sparsi per le vie del borgo, il campetto e la piazza centrale: suggestivo il colore incandescente che si intravede dall’interno dei tronchi, i quali possono rimanere accesi anche per molte ore.
Ad accompagnare questo particolare spettacolo, un percorso gastronomico composto da alcune semplici pietanze che rimandano sempre agli usi e costumi della tradizione: ci sono le castagne, la polenta, il vino, miele e formaggi, alcuni dolci fatti con la farina di castagne e anche le schiacciate cotte nel forno.
 
Il programma della giornata prevedeva per la mattina una camminata tra i sentieri della montagna del Pratomagno, con partenza alle 9 da Rocca Ricciarda e arrivo a Poggio di Loro per il pranzo. Purtroppo, a causa del tempo non molto stabile, la passeggiata è stata cancellata e il ritrovo è stato fissato direttamente alle ore 13. A seguire, nel primo pomeriggio sono iniziate le esibizioni di un gruppo di arcieri del Valdarno, vestiti in abiti medievali, che presso il campetto all’inizio del paese hanno fatto provare a tutti a tirare verso il bersaglio posto a qualche metro di distanza.
 
Il ricavato raccolto dall’intera giornata rimarrà alla comunità di Poggio di Loro, in quanto servirà per finanziare lavori o modifiche necessarie alla collettività, come è accaduto l’anno scorso con il parco giochi per i bambini.

Cultura

 
comments powered by Disqus