21.07.2016  17:20

Tav: si al sottoattraversamento ma con la revisione del progetto. Interrogativi sulle terre di scavo

di Monica Campani
Il tunnel dunque si farà ma il progetto verrà rivisto. Decisa la separazione dei flussi di traffico e la centralità della stazione di Santa maria Novella. Ma la revisione del progetto potrebbe comportare cambiamenti per le terre da scavo destinate a Cavriglia?


commenti

Leggi i Dossier:  Terre della Tav

Data della notizia:  21.07.2016  16:27  /  Ultimo aggiornamento:  21.07.2016  17:20

Dopo una riunione di due ore da Roma arriva la conferma che il progetto per il sottoattraversamento ferroviario di Firenze si farà. Ma il progetto verrà rivisto. All’incontro, nella sede del Gruppo FS Italiane, hanno partecipato il Sottosegretario di Stato alla Presidenza del Consiglio Luca Lotti, il vice Ministro alle Infrastrutture e ai Trasporti Riccardo Nencini, il Presidente della Regione Toscana Enrico Rossi, l’assessore ai Trasporti della Regione Toscana Vincenzo Ceccarelli, il Sindaco di Firenze Dario Nardella, l’assessore al TPL del Comune di Firenze, Stefano Giorgetti, il Coordinatore della Struttura di missione del Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti Ennio Cascetta e per il Gruppo FS Italiane Renato Mazzoncini (AD FS Italiane), Maurizio Gentile (AD Rete Ferroviaria Italiana), Barbara Morgante (AD Trenitalia) e Carlo De Vito (AD FS Sistemi Urbani).


"Nel corso dell’incontro è stata valutata l’opportunità di procedere a una project review del sottoattraversamento di Firenze, che ne riduca possibilmente l’impatto, confermando allo stesso tempo che lo shunt ferroviario è la soluzione che consente la separazione dei flussi di traffico tra treni regionali e Alta Velocità. Separazione che garantisce elevati standard di regolarità e puntualità del traffico ferroviario anche in prospettiva di incremento dei servizi ferroviari stessi".


"Durante la riunione è stata confermata la centralità della stazione Firenze Santa Maria Novella sia nel sistema ferroviario regionale sia nei collegamenti AV con il Capoluogo toscano.Per le altre stazioni fiorentine della rete ferroviaria regionale è stato confermato che saranno avviati interventi di riqualificazione e per quanto riguarda il progetto Foster è stata positivamente valutata l’opportunità di procedere a una rivalutazione tecnica del progetto".


La prossima riunione è convocata entro due mesi: sarà elaborato un maggior dettaglio della revisione progettuale, comprensivo di tempi e analisi di fattibilità.


La revisione del progetto potrebbe comportare cambiamenti nei volumi e nelle modalità del trasferimento delle terre da scavo nell'area ex mineraria di Cavriglia? Martedì 26 luglio il sindaco Leonardo Degl'Innocenti o Sanni ha già fissato un incontro in Regione con il presidente Enrico Rossi e i dirigenti di FS e di Enel.

Aggiornamenti
Più di una settimana fa
Il primo commento del Presidente della Regione Toscana Enrico Rossi
"Per noi al momento il progetto resta quello che è già stato approvato. Si é discusso su un'ipotesi diversa che però conferma sia il sottoattraversamento che la separazione dei flussi tra i treni dell'alta velocità e i treni regionali. Per noi questo è fondamentale per tenere fermi i nostri interessi che sono innanzitutto quelli dei pendolari, degli studenti, dei lavoratori e dei cittadini che ogni giorno prendono il treno. È venuto il momento di superare i loro problemi di trasporto". "Aspettiamo adesso - ha aggiunto Rossi - che questa ipotesi progettuale che noi abbiamo richiesto e che contiene come condizione irrinunciabile il sottoattraversamento e la separazione dei flussi venga studiata. A settembre ce la presenteranno e su questa ci riserviamo di dire in maniera definitiva la nostra".

Politica / Economia

 
comments powered by Disqus
Roberto Riviello
Controcorrente
Forse ce n’eravamo dimenticati, in questi ultimi an...
Julian Carax
Un.Dici
Non è da tutti — almeno a queste latitudini — il privileg...