05.10.2015  16:26

Tav, il Cnr suggerisce: "Terre e rocce da scavo da analizzare in corso d'opera"

di Monica Campani
Secondo il Consiglio nazionale delle ricerche sono le indicazioni per il materiale prodotto nel cantiere del sottoattraversamento della Tav a Firenze (fonte Ansa), le terre che dovrebbero arrivare nell'area ex mineraria di Santa Barbara


area ex mineraria di Santa Barbara

commenti

Leggi i Dossier:  Terre della Tav

Data della notizia:  05.10.2015  16:26

"Le terre e le rocce da scavo che saranno prodotte nel cantiere del sottoattraversamento della Tav a Firenze dovranno essere analizzate 'in corso d'opera' seguendo dei criteri indicati dal Cnr, in modo da stabilire quale tipo di rifiuto siano e, quindi, come debbano essere smaltite", è il Cnr, Consiglio nazionale delle ricerche, a suggerire i criteri a Nodavia, incaricata di realizzare l'opera. (fonte Ansa). Si torna dunque a parlare delle terre della Tav destinate all'area ex mineraria di Santa Barbara a Cavriglia.

Il nodo da sciogliere è sempre stato: le terre dello scavo possono essere considerate un sottoprodotto oppure materiale inquinato dagli additivi usati per lubrificare la fresa? A Cavriglia sia l'ex sindaco Ivano Ferri che l'attuale Leonardo Degl'Innocenti o Sanni hanno sempre ribadito che quelle terre per poter essere trasportate nell'area ex mineraria sarebbero dovute essere di tipo 'A', pulite.

Adesso nella relazione finale il Cnr, come riportato anche in un articolo pubblicato da Repubblica lo scorso 3 ottobre, ha affermato che le terre da scavo dopo 28 giorni non presenterebbero più additivi. Quella relazione è già stata inviata alla commissione per la valutazione dell'impatto ambientale del Ministero dell'ambiente. 


E nella lettera a Nodavia, il Cnr ad agosto ha suggerito "i criteri che dovrebbero essere seguiti in cantiere per la verifica delle caratteristiche ai fini della qualificazione delle terre e rocce da scavo come sottoprodotti". Ovverosia campionamento e biotest. (fonte Ansa).

Se il MInistero dovesse dare il via libera entro novembre i cantieri potrebbero anche riaprire e la terra da scavo arrivare presto a Cavriglia.
 

Cronaca

 
comments powered by Disqus
Roberto Riviello
Controcorrente
Forse ce n’eravamo dimenticati, in questi ultimi an...
Julian Carax
Un.Dici
Non è da tutti — almeno a queste latitudini — il privileg...