13.03.2015  17:51

"Siamo preoccupati ma non vogliamo creare allarmismi", parla il presidente della conferenza dei sindaci

di Monica Campani
Sulla questione del regolamento redatto dalla Conferenza Stato - Regioni che potrebbe svuotare il monoblocco della gruccia di alcuni reparti interviene il presidente della Conferenza dei sindaci Maurizio Viligiardi: "Preoccupazione ma senza creare allarmismi". Intanto annuncia un discorso aperto tra il Valdarno aretino, quello fiorentino e la Valdisieve che potrebbe far raggiungere il bacino d'utenza necessario al mantenimento degli ospedali


È preoccupato ma non vuole creare allarmismi il presidente della Conferenza dei sindaci Maurizio Viligiardi. Il regolamento "Definizione degli standard qualitativi, strutturali, tecnologici e quantitativi relativi all'assistenza ospedaliera", parte del decreto attuativo del Ministero della salute della legge sulla spending review, approvato lo scorso 13 gennaio dalla Conferenza Stato - Regioni definisce i presidi ospedalieri e le attività all'interno svolte in base al bacino d'utenza e potrebbe comportare lo svuotamento del monoblocco della Gruccia e la chiusura del Serristori di Figline. Per questo Viligiardi ha già incontrato il Valdarno fiorentino e la Valdisieve per ricompattare un'area che insieme raggiungerebbe oltre 180.000 abitanti e che quindi potrebbe garantire l'esistenza ai due presidi ospedalieri.

"C'è ovviamente preoccupazione, siamo davanti a una fase di riassetto organizzativo complessivo della sanità in Toscana con l'accorpamento nelle tre Asl. C'è quindi molta attenzione per quello che succederà. Io però eviterei, in questo momento, l'allarmismo. Il regolamento della Conferenza Stato - Regioni non è una novità. Noi abbiamo un dimensionamento dei nostri ospedali su base territoriale e sul numero dei posti letto e come Valdarno siamo oltre anche i vecchi regolamenti. La Regione Toscana ha un'organizzazione in rete ed è per questo che negli anni l'ospedale del Valdarno ha avuto l'attuale dotazione di servizi e di personale. Siamo pronti a una fase organizzativa: abbiamo già concordato con  il direttore generale martedì una riunione anche per affrontare questo tema. Siamo anche in una fase di sviluppo e non di riduzione delle attività nell'ospedale della Gruccia. I sindaci si stanno organizzando da qualche mese: noi ci siamo visti con il Valdarno fiorentino e la Valdisieve per cercare di ragionare sul bacino di utenza che supererebbe la soglia dei 150.000 abitanti ed eviterebbe anche quel problema di natura regolamentare su cui qualcuno potrebbe intervenire nel monoblocco della Gruccia. Lo stiamo facendo preoccupati di quanto sta accadendo ma anche cogliendo un'opportunità che con la riorganizzazione delle Asl potrebbe mettere insieme un territorio omogeneo".
 

Il documento che sta per essere redatto tra Valdarno aretino, fiorentino e Valdisieve non comprende soltanto la sanità ma anche le infrastrutture e l'economia. In questo senso rientra anche il ruolo del Serristori di Figline.

"Mettere in sinergia i due ospedali è un obiettivo che ci dobbiamo porre sapendo che ci sono potenzialità diverse tra loro. Ma nulla vieta che gli investimenti fatti al Serristori possano trovare una sinergia con le attività che vengono svolte per il Valdarno e Valdisieve".

"Stiamo ragionando insieme perchè siamo coscienti che se ognuno ragiona per conto suo abbiamo meno possibilità non solo di difendere ciò che abbiamo ma anche di implementare i servizi che possono essere prestati all'interno degli ospedali. Per esempio il rapporto che viene sviluppato tra le due Asl con il melanoma center alla Gruccia e le attività di oculistica al Serristori vanno in questa direzione. Ci sono rapporti che si possono sviluppare e che in questo momaneto hanno più possibilità di essere realizzati per la riorganizzazione complessiva che può giocare a favore".

Non si tratta dunque di unificazione ma di sinergia tra i territori:

"Quello che vorremo sviluppare è un rapporto di collaborazione che ci metta a riparo da interventi di razionalizzazione di qualche genere. Se riusciamo a sviluppare per questo territorio attività che vanno oltre le separazioni delle aziende credo si faccia un lavoro importante per il territorio. Bisogna ragionare perchè il Valdarno sia unito per superare le soglie di popolazione e per sviluppare relazioni che sinora non sono state possibili o sono state messe in secondo piano. Vorremmo che l'organizzazione tra le aziende fosse transaziendale".

Infine il presidente della Conferenza dei sindaci conclude:

"Una cosa è un regolamento che fornisce indicazioni sul dimensionamento degli ospedali un'altra è l'applicazione concreta sui territori e sulla sanità le cui autonomie sono regionali. Cercherei di prestare molta attenzione alla riorganizzazione che la Regione si sta dando ma starei attento a creare allarmismi. Non voglio sottostimare i pericoli ma non vorrei che si creasse un allarme nella popolazione che non sta nella logica delle cose".
 
Aggiornamenti
Più di una settimana fa
Interviene l'assessore regionale Marroni
"La legge di riforma del sistema sanitario regionale la facciamo anche perché non succedano le cose che molti temono: strutture depotenziate, reparti chiusi, ospedali svuotati. Nella legge, queste cose non sono scritte da nessuna parte. E non accadranno". L'assessore al diritto alla salute Luigi Marroni interviene di nuovo sulla legge di riordino del sistema sanitario toscano approvata pochi giorni fa dal Consiglio regionale, per rispondere agli allarmi che giungono dal Valdarno fiorentino e aretino per la sorte del monoblocco della Gruccia e del Serristori. "Con la legge di riforma la governance territoriale viene rafforzata. E i territori possono godere di una ritrovata speranza", chiarisce l'assessore Marroni. "La legge di riordino ha goduto di un'ampia e partecipata fase di ascolto e confronto, in cui sono stati coinvolti i professionisti, i cittadini, le associazioni. Ma il processo di partecipazione continua, la riforma prevede comunque un processo di concertazione con le amministrazioni. E poi, anche se può sembrare paradossale, nel momento in cui si accentrano le direzioni, c'è necessità di una maggiore autonomia dei territori. Dunque non c'è assolutamente nessuno dei rischi che vengono paventati".
Più di una settimana fa
Cresce San Giovanni: consiglio comunale aperto
Il gruppo consiliare di San Giovanni ha inoltrato al presidente del consiglio comunale una richiesta d'urgenza per convocare il consiglio comunale in seduta straordinaria "in difesa del Presidio Ospedaliero della Gruccia"
Più di una settimana fa
I Democratici e Progressisti di Montevarchi: "I sindaci si muovano"
"La presa d’atto dei rischi che corre l’ospedale della Gruccia con il piano di riordino della sanità sta, finalmente, provocando qualche reazione. Apprendiamo dalla stampa che i sindaci valdarnesi cercano intese con i loro colleghi della parte fiorentina e della Valdisieve per mettere una toppa alla situazione. Meglio tardi che mai, verrebbe da dire: ma l’impressione è che non basti, e occorra un salto di qualità nell’azione politica. Finora, alle tante chiacchiere, i sindaci del Valdarno, vecchi e nuovi, giovani e anziani, non hanno fatto seguire azioni concrete. Da mesi discutono dell’associazione dei servizi sociali riuscendo solo a decidere di non decidere. Parlano di gestire unitariamente la promozione del territorio, peraltro ora obbligatoria per legge, e non riescono a fare passi avanti. Esiste la concreta possibilità, usufruendo anche di finanziamenti regionali, di progettare unitariamente per il comprensorio valdarnese (aretino e fiorentino) il piano di governo del territorio e le infrastrutture ma nessuno sembra cogliere l’occasione. Ogni tanto qualcuno si sveglia dal torpore e pone, in maniera più o meno estemporanea, il tema del comune unico nella consapevolezza che una settimana dopo non ne parlerà più nessuno. Nel frattempo si perdono gli uffici del Giudice di pace e le garanzie della difesa civica, peggiora il servizio di trasporto pubblico. E così, allegramente, con la complicità dei partiti (Pd in primo luogo) e delle associazioni, delle rappresentanze economiche, del sistema dell’informazione, i sindaci badano esclusivamente al loro orticello. Purtroppo, questo atteggiamento avrà ripercussioni serie sui valdarnesi di oggi e di domani. Sulla sanità occorre rimettere in discussione sia il piano toscano sia le linee di lavoro del governo Renzi. Occorre delineare un diverso modo di organizzare i servizi e la rete ospedaliera. Non possiamo limitarci a sommare ipoteticamente territori e popolazione e non ridiscutere il concetto delle aree vaste. Se i sindaci, vecchi e nuovi, giovani o anziani, ne sono capaci inizino un percorso serio di dialogo con regione e governo, coinvolgano deputati e senatori di qualunque forza politica. Chi ha intenzione di candidarsi alle prossime regionali dichiari, in modo trasparente, cosa intende fare in merito. Se non ne sono capaci e preferiscono passare il tempo a discutere a quale corrente appartengono e cos’è più conveniente fare per le loro carriere è bene che comincino a pensare di lasciare libero il posto che occupano".
Più di una settimana fa
Interviene Ciari della Lega nord
"Il Valdarno aretino e fiorentino rappresenta una unità territoriale unica sia dal punto di vista territoriale che culturale ed economico - dichiara Costantino Ciari, Lega nord - Trenta anni fa smembrarono il Valdarno: vi ricordate la USL 20/A e 20/B (Valdarno Aretino e Valdarno Fiorentino)? Queste furono le premesse dello stato attuale. E tale divisione fu voluta solo ed esclusivamente per la moltiplicazione delle poltrone e delle prebende. La Sanità nel Valdarno è sempre stata una eccellenza e lo è tuttora con reparti chirurgici (Chirurgia Generale, Ginecologia e Ortopedia) che niente hanno da invidiare ai grandi poli Universitari. E lo dico da medico e come ottavo figlio di una famiglia numerosa che si è sempre servito dell'Ospedale del Valdarno per me e per tutti i miei cari, ed ho sempre trovato risposte all'altezza di ogni situazione. Ma i Sindaci, il Pd ed il Governatore Rossi non sono credibili. Hanno acconsentito ad un progressivo depauperamento dell'Ospedale del Valdarno alla ricerca di poltrone locali, regionali o nazionali. La spending Revew cari Sindaci e caro Governatore Rossi si fa eliminando gli sprechi e le ruberie e non sulla pelle dei malati. Fra due mesi i cittadini del Valdarno saranno chiamati alle lezioni regionali: è solo lì che avranno l'opportunità di salvare il loro Ospedale: andando a votare e votare chi ha dimostrato nei fatti di avere a cuore i malati e non ha avuto timore di mettersi in gioco"

Politica / Sociale

 
comments powered by Disqus