30.05.2020  00:27

Serristori, I Cobas della Asl Toscana centro organizzano una mobilitazione

di Monica Campani
I Cobas organizzano una manifestazione con corteo venerdì 26 giugno alle 21.00


commenti

Leggi i Dossier:  Il destino incerto del Serristori

Data della notizia:  30.05.2020  00:27

I Cobas della Asl Toscana centro organizzazno una mobilitazione con corteo per il Serristori. La manifestazione si terrà venerdì 26 giugno alle 21.00 con partenza dall'ospedale.

"L'emergenza del coronavirus ha chiarito a tutti che il servizio nazionale pubblico è la cosa più  importante che abbiamo. E' stato un errore smantellare ospedali, tagliare i posti letto, ridurre le terapie intensive, accorpare distretti, ridimensionare i servizi territoriali e domiciliari, esternalizzare al privato le attività sanitaria, appaltare e ingrassare le agenzie  e gli istituti che fanno profitto sulla salute dei cittadini, bloccare le assunzioni di personale sanitario, precarizzare la cura e l'assistenza  e abbandonare la salute, la sicurezza e prevenzione mentre questo Governo, riconoscendo gli errori fatti nel passato, afferma di voler lavorare ogni giorno per ricostruire e rafforzare il sistema sanitario pubblico. Regione Toscana, Azienda Usl Toscana centro, e sindaci del Valdarno fiorentino perseguono nell'obiettivo di cancellare l'ospedale Serristori in barba alla volontà e ai bisogni socio sanitari della popolazione".

"Hanno chiuso il pronto soccorso sulle H24, cancellata la sub intensiva, sospese le attività interventistiche di sala operatoria, chiuso il reparto di degenza di chirurgia, chiuso l'orto traumatologia, chiusa l'endoscopia e l'odontoiatria, ridimensionata l'attività di oncologia ed ematologia, ridotte al minimo le attività di laboratorio analisi, di radiologia, di fisioterapia, di cardiologia, farmacologia, sospesi gli interventi di oculistica e le attività di specialistica ambulatoriale quali urologia, dermatologia, otorino laringoiatria, medicazioni e visite chirurgiche, bloccati gli accessi al pronto soccorso utilizzando il 118 e i medici di base per dirottare i cittadini del Valdarno fiorentino su altri pronto soccorso".

I Cobas continuano: "Approfittando dell'epidemia Covid-19 in modo cinico hanno smantellato i servizi, tolto ogni giorno o non rimpiazzato personale medico specialistico, infermieri, Oss, tecnici sanitari e cercato di convincere con le menzogne i cittadini che l'ospedale Serristori non avrebbe risposto alle emergenze clinico assistenziali ma solo alle lunghe degenze. La realtà ha dimostrato che la popolazione vuole questo ospedale nella sua pienezza di funzioni, i lavoratori hanno saputo garantire il diritto alla salute e superata la fase emergenziale, dovuta all'epidemia, riparte la mobilitazione".

"La distruzione dell'ospedale Serristori ad opera di Rossi, Saccardi, Morello, sarà nuovamente contrastata dal sindacato Cobas, dal Comitato 'Salvare il Serristori', dalle associazioni territoriali e dalla stessa popolazione".

I Cobas annunciano dunque una nuova mobilitazione con corteo venerdì 26 giugno alle 21.00 con partenza dall'ospedale. Nel rispetto delle disposizioni di sicurezza anticontagio, con il necessario distanziamento fisico e mascherine protettive.

 

Cronaca

 
comments powered by Disqus
Leonardo Matassoni
Diritto all'architettura
DEMOCRAZIA NATURALE QUESTIONE DI PESI … Di solito non si ...
Alessio Bigini
Alessio Bigini Software/Electro Lab
Ciao a tutti, in questa recensione andremo a recensire un...
Roberto Riviello
Controcorrente
Come fece Maximilen de Robespierre ad annullare la Costit...