30.05.2020  12:41

Serristori, Asl Toscana centro: "Da lunedì piena ripresa degli interventi chirurgici con quattro anestesisti"

di Monica Campani
Nuova organizzazione fino a luglio. Da settembre ulteriore potenziamento dei volumi di attività


commenti

Leggi i Dossier:  Il destino incerto del Serristori

Data della notizia:  30.05.2020  12:41

"Riparte a pieno regime da lunedì 1° giugno l’attività chirurgica al Serristori già riattivata in maniera progressiva da circa due settimane grazie alla presenza di un medico anestesista h12 tutti i giorni. Da lunedì prossimo gli anestesisti saranno quattro e la loro presenza, a supporto della chirurgia e delle altre attività dell’ospedale, potrà garantire la piena ripresa anche dell’attività di Week Surgery", a dare l'annuncio è la stessa Asl Toscana centro.

Dopo la sospensione dell'attività chirurgica a causa dell'emergenza sanitaria e la destinazione del Serristori a presidio no Covid con la Fase 2 l’Azienda conta di incrementare con importanti investimenti tutta la Chirurgia del Serristori, aggiungendo altre specialità nelle sale operatorie dell’ospedale di Figline, come la chirurgia plastica, la senologia e chirurgie generali provenienti da altri ospedali dell’Azienda.

“L’ospedale Serristori è sempre più orientato alla chirurgia – dichiara Giancarlo Landini, direttore del dipartimento delle specialistiche mediche – ma permane una importante attività internistica con 45 letti di medicina interna per acuti che in questo periodo di Covid sono stati essenziali in rapporto all’ospedale di Ponte a Niccheri. L’attività di medicina interna continua e si svilupperà anche con la presenza di ulteriore Day Service h12. Ora riacquistando anche la parte chirurgica, il Serristori si completa come presidio essenziale nella zona sud est della Toscana centro”.

La chirurgia del Serristori è di competenza dell’unità complessa di chirurgia generale, diretta dal dottor Patrizio Fratini, che comprende sia l’ospedale di Santa Maria Annunziata che quello di Figline. “La nuova organizzazione in partenza da lunedì – spiega il direttore Marco Scatizzi - conta di sostenere volumi rilevanti che potranno essere mantenuti fino a tutto il mese di luglio”.

Da settembre è previsto un ulteriore potenziamento dell’attività chirurgica con volumi previsti superiori anche a quelli pre Covid e progetti che l’Azienda sta già predisponendo. "Al momento la chirurgia dell’ospedale è attiva dal lunedì al venerdì ma nei prossimi mesi grazie anche a nuove risorse infermieristiche che l’Azienda sanitaria si è impegnata a sostenere, la riorganizzazione nel reparto potrà prevedere degenze su 7 giorni. In previsione di questo potenziamento, da lunedì 1° giugno è reintrodotta anche la presenza di una guardia chirurgica notturna per il momento nei giorni della degenza, dal lunedì al venerdì".

 

Cronaca

 
comments powered by Disqus