21.10.2011  17:43

Se fossi fuoco, arderei Firenze.

di Laura Burzi
È uscito ieri il terzo libro dello scrittore valdarnese Vanni Santoni, già autore del libro "Gli interessi in comune", che descrive una generazione di giovani valdarnesi alle prese con la vita di provincia.


commenti

Data della notizia:  14.10.2011  12:48  /  Ultimo aggiornamento:  21.10.2011  17:43

Il titolo “Se fossi fuoco arderei Firenze” cita il sonetto di tradizione letteraria goliardica, improntata alla dissacrazione delle convenzioni e alla ricerca dell'ironia, del senese Cecco Angiolieri contemporaneo di Dante. Non siamo ancora riusciti a leggere il libro (mi prometto di farlo), ma dalle recensioni già uscite, pare che la citazione non venga a caso. Come si legge infatti su www.finzionimagazine.it : “è chiaro che se scrivi una storia – anzi, molte storie – i cui personaggi sono fiorentini, li fai parlare in fiorentino[…]. E fin qui. Ma Vanni Santoni fa un lavoro di cesello sulla lingua di questo suo terzo libro, alternando spassosi dialoghi tra personaggi tanto realistici quanto improbabili, a divagazioni e riflessioni in punta di penna. Ne esce il ritratto impietoso e problematizzante di una città puttana, ma puttana d'alto bordo.”

Il precedente libro di  Santoni, “Gli interessi in comune” edito da Feltrinelli,  descriveva in maniera atipica e con ritmi sincopati la generazione provinciale valdarnese (che pare conoscere bene) dei bar e della playstation, delle Magic e delle droghe, con gli stessi ritmi degli effetti da stupefacenti, in cui si alternano esaltazione e down. Un' "estetica-anestica provincia cronica” insomma, per citare i Baustelle, in cui la droga non equivale a tossicodipendenza, ma a collante sociale, lingua per comunicare.

Vanni Santoni  è anche il fondatore, insieme a Gregorio Magini, del progetto SIC – Scrittura Industriale Collettiva, un metodo nuovo di scrivere romanzi, che ha già prodotto i primi interessanti risultati, come la stesura del primo "grande romanzo collettivo" della storia nazionale e internazionale, scritto a 200 mani da autori reclutati su internet e che speriamo di vedere presto pubblicato.

Il nuovo libro di questo lungimirante autore, composto da 158 pagine è uscito ieri nelle librerie ed è edito da Laterza.
Aggiornamenti
Più di una settimana fa
Il libro verrà presentato domenica 23 ottobre, alle ore 21.00, nei locali della Biblioteca Comunale di Montevarchi. Introduce, il Prof. Massimo Zanoccoli. L’iniziativa è a cura dell’Assessorato alla Cultura e dell’Associazione “Amici della Biblioteca”. Per ulteriori informazioni, è disponile la Biblioteca Comunale, tel. 055 982975, e-mail: biblioteca@comune.montevarchi.ar.it.

Cultura

 
comments powered by Disqus
Julian Carax
Un.Dici
“Vorrei scrivere qualcosa di poco banale sull’ultima fati...
Alessio Bigini
Alessio Bigini Software/Electro Lab
Ciao a tutti, in questo articolo andremo a recensire un n...
Roberto Riviello
Controcorrente
L’approssimarsi delle elezioni europee ha riacceso ...