31.08.2016  10:30

Sammezzano torna ad aprire al pubblico, visite il 10 e 11 settembre. Si scorre la lista di attesa

di Glenda Venturini
Saranno 1500 questa volta i fortunati che potranno visitare il Castello, grazie ai volontari del Comitato FPXA. I nominativi sono stati ripescati dalla lista di attesa che si formò per la visita di luglio: sono più di dodicimila coloro che si prenotarono, senza poter entrare


Arriva un altro fine settimana di visite, al Castello di Sammezzano: è la seconda occasione del 2016, dopo quella di luglio. Entreranno in 1500, ma nessuna corsa all'iscrizione, per questa volta: il Comitato Ferndinando Panciatichi Ximenes d'Aragona ha infatti deciso di smaltire la lunghissima lista di attesa che si era formata proprio in occasione dell'apertura al pubblico di luglio. 

In quell'occasione, infatti, riuscirono a prenotarsi oltre 12mila persone, una mole enorme di richieste che rappresenta l'ennesima conferma, se mai ce ne fosse bisogno, di quanto è ambita una visita all'interno del Castello che domina Leccio. Il Comitato ha dunque ripreso in mano quella lista e inviato mail ai primi cinquecento nominativi: ciascuno di loro potrà richiedere fino a quattro biglietti in tutto. 

Per il Comitato, che riesce a organizzare queste visite in accordo con la proprietà del Castello, è uno sforzo compiuto solo grazie ai volontari. Sono loro che riescono a gestire l'afflusso dei visitatori, stilare gli elenchi dei gruppi che vengono accopagnati all'interno, curare la logistica e regalare così un'emozione unica a centinaia di persone. Ogni visita è guidata, ad accompagnare i visitatori sono esperti consocitori del Castello e del suo autore, il Marchese che gli donò questo aspetto così eclettico da renderlo praticamente unico. 

Nel frattempo, sul fronte della proprietà, per ora si lavora in silenzio. L'obiettivo dichiarato proprio dalla società che detiene il Castello e l'intera tenuta è di evitare una nuova asta: un progetto che potrebbe prendere forma grazie a una fiduciaria che sta acquisendo i debiti della Sammezzano Castle. Ne nascerebbe un polo a destinazione prevalentemente turistico-ricettiva, grazie anche agli immobili che circondano il Castello e fanno parte del 'pacchetto', ma l'idea è di non chiudere del tutto le porte a possibili visite all'interno di Sammezzano. 

 

Cultura

 
comments powered by Disqus
Alessio Bigini
Alessio Bigini Software/Electro Lab
Ciao a tutti, in questa recensione andremo a recensire un...
Roberto Riviello
Controcorrente
Come fece Maximilen de Robespierre ad annullare la Costit...
Leonardo Matassoni
Diritto all'architettura
DEMOCRAZIA NATURALE QUESTIONE DI PESI … Di solito non si ...