23.07.2016  14:41

Sammezzano, l'Onorevole Lorenzo Becattini invita il Ministro Franceschini a visitare il Castello

di Glenda Venturini
In questi giorni la classifica del FAI vede il Castello di Sammezzano ancora in testa tra i luoghi del cuore. E il deputato reggellese ha colto l'occasione per invitare Dario Franceschini: "Dopo aver sensibilizzato a suo tempo il Governo con una interrogazione, oggi ho invitato il Ministro, a nome anche delle proprietà, a visitare il castello per rendersi conto della magia di questo luogo unico"


Un invito a visitare il Castello di Sammezzano e il suo Parco, rivolto al Ministro ai beni culturali Dario Franceschini: lo ha firmato oggi il deputato reggellese del Partito democratico, Lorenzo Becattini, anche a nome della proprietà dell'intera tenuta. 

L’occasione è la comunicazione, di questi giorni, da parte del FAI che Sammezzano è in testa alle votazioni nel concorso “I luoghi del cuore”, giunto all’ottava edizione. Quel concorso, che chiede ai cittadini di esprimersi su quali siano i luoghi più emozionanti in Italia, dimostra insomma l'enorme interesse per il Castello che si trova a Leccio, nel comune di Reggello.

"Un po’ lo sapevamo - commenta l'Onorevole Becattini - e chiunque abbia avuto la fortuna di visitare il castello non può stupirsene, ma questa conferma ci fa molto piacere. Un grazie quindi a Massimo Sottani e al Comitato FPXA, che per primi hanno lavorato per la riscoperta di questa meraviglia, in accordo con la proprietà inglese che ha avuto la sensibilità di rendere possibili molte visite".

"Un grazie anche a tutte le associazioni e i cittadini che hanno contribuito a far conoscere Sammezzano e il suo pregiatissimo parco. Dopo aver sensibilizzato a suo tempo il Governo con una interrogazione - conclude Becattini - oggi ho sentito il dovere e anche il piacere di scrivere al Ministro della Cultura Dario Franceschini per invitarlo, a nome anche delle proprietà, a visitare il castello affinché possa rendersi conto personalmente della magia di questo luogo unico".

 

Cultura

 
comments powered by Disqus