11.08.2017  14:06

Sally, la beagle avvelenata, sta bene ed è tornata a casa. "Grazie ai veterinari che l'hanno salvata"

di Monica Campani
Dopo l'avvelenamento la beagle di sei anni sta finalmente bene. Oggi è tornata a casa. Corrado, il proprietario, ringrazia i due veterinari intervenuti


Sally

Salvata per la seconda volta. Sally, la beagle di sei anni, avvelenata mentre si trovava nel campo del proprietario lungo la variante alla provinciale delle MIniere, sta finalmente bene e oggi è tornata a casa. Per lei si tratta del secondo salvatagggio da parte di Corrado, il suo proprietario.

Sally faceva parte dei 2.639 beagle che a Green Hill, a Montichiari di Brescia, venivano allevati, destinati a laboratori di tutta Europa e usati per testare farmaci, prodotti chimici, pesticidi, detersivi e altre sostanze. Dopo la liberazione nel 2012 mamme e cuccioli furono affidati a Lav e Legambiente e successivamente a tante famiglie. Aveva un anno e mezzo quando Corrado l'ha adottata.

Dopo la scoperta, dunque, domenica scorsa, che era stata avvelenata insieme a una Breton con la quale viveva e che purtroppo non ce l'ha fatta, Sally è stata portata prima dalla veterinaria Simona Badii che ha prestato i primi soccorsi e poi nell'ambulatorio veterinario del dottore Fabrizio Chiasserini ad Arezzo dove è stata tenuta in terapia intensiva e curata definitivamente.

"Ringrazio entrambi i veterinari - ci tiene a sottolineare Corrado - sono intervenuti nel migliore dei modi e hanno salvato Sally".

 

Cronaca

 
comments powered by Disqus