30.10.2012  10:52

Rubano motorini portandoli via con una monovolume. Una telecamera li tradisce. I carabinieri li arrestano

di Monica Campani
Si erano specializzati in furti di motorini che smembravano e poi all'interno di scatoloni mandavano in Tunisia. Ma le telecamere di San Giovanni li hanno ripresi. I carabinieri della compagnia di Figline li hanno rintracciati ed arrestati. Si tratta di due tunisini di 45 e 33 anni


Il video che ha incastrato i ladri di motorini

commenti

Data della notizia:  30.10.2012  10:52

Rubavano i motorini in pochi secondi: il tempo di prenderli e caricarli su una monovolume. Poi li smembravano e li mandavano in Tunisia all'interno di scatoloni. Il loro commercio è terminato grazie alle telecamere di San Giovanni ed i carabinieri della compagnia di Figline che li hanno rintracciati ed arrestati. Si tratta di due tunisini di 45 e 33 anni. In tutto 9 sono stati i motorini recuperati.

I furti si erano concentrati tra Terranuova, Montevarchi, San Giovanni, Incisa, Figline, Greve in Chianti e Firenze. L'ultimo in ordine di tempo, però li ha incastrati. Nel video, infatti, registrato a San Giovanni il 9 ottobre e visionato dai carabinieri della compagnia locale, si vedono i due mentre prelevano il motorino, lo caricano su una Chrysler e poi fuggono indisturbati. L'operazione dura 15 secondi.

I carabinieri della compagnia di San Giovanni inviano il filmato anche ai colleghi di FIgline che riconoscono la macchina per evidenti ammaccature ed i due tunisini. Domenica mattina la monovolume esce dal casello autostradale di Inicsa- Reggello. I carabinieri impegnati in un posto di blocco la ferma per un controllo. All'interno trovano un ciclomotore Yamaha, modello Aerox, chiuso a chiave e con il blocca - dischi inserito. Gli accertamenti permettono di scoprire che è stato rubato a Firenze poco prima. 

La perquisizione dei carabinieri nella cantina dell'abitazione di Figline di uno dei due tunisini ha portato alla scoperta di documenti, targhe, motorini e pezzi di essi, pronti per essere inscatolati ed inviati in Tunisia. In tutto ben 9 mezzi rubati tra il 15 agosto ed il 28 ottobre. Entrambi sono stati arrestati per furto aggravato e portati nel carcere di Sollicciano.

Con questa operazione i carabinieri della compagnia di FIgline hanno rintracciato circa metà dei motorini che ogni anno vengono rubati in Valdarno fiorentino. L'ultimo colpo, sventato, risale al 6 ottobre: in quel caso fu un minorenne ad avere guai con la giustizia per il furto di una vespa.

Il mezzo rubato a Firenze è stato subito restituito al proprietario che non si era accorto del furto. Sono stati i carabinieri, con una telefonata, ad avvertirlo di quanto accaduto.

A questo proposito i carabinieri lanciano un consiglio: legate i motorino con una catena a qualcosa oppure ad un altro mezzo così che non possano essere portati via.

Cronaca

 
comments powered by Disqus
Roberto Riviello
Controcorrente
Forse ce n’eravamo dimenticati, in questi ultimi an...
Julian Carax
Un.Dici
Non è da tutti — almeno a queste latitudini — il privileg...