17.04.2012  17:20

Rossana Molinatti: 'The actors' studio'

di Monica Campani
Alle 21.30, nella serata di apertura di Valdarno Cinema Fedic, nel foyer del cinema teatro Masaccio, si terrà il vernissage della mostra


commenti

Leggi gli Speciali:  Valdarno Cinema Fedic 2012

Data della notizia:  17.04.2012  17:20

Veneziana doc, Rossana Molinatti ha frequentato il liceo artistico per poi diplomarsi presso l’Accademia di Belle Arti di Venezia. Dai mille interessi, ha affrontato numerosi aspetti delle discipline artistiche, dalla pittura alla scultura, dalla fotografia alla cinematografia. Nella sua lunga carriera ha allestito numerose mostre personali in varie città d’Italia tra le quali Milano, Bologna, Venezia e Trieste. Come regista di cortometraggi ha conseguito notevoli successi personali in numerosi concorsi sia nazionali che internazionali, tra cui il trofeo A.N.A. per Requiem per una nazione (1996), il 1° Premio al Festival di Sebino nel 1999, la Medaglia d’oro al Concorso Internazionale Unica a Wirtzburg nel 2004, oltre ad essere stata 1° classificata al Premio Icardi di Montecatini nel 1997. 

Dal Carnevale di Venezia del 1981, ha impegnato la sua vena creativa nella realizzazione di maschere ispirate a dipinti o sculture famose, tra le quali 'Il bacio' di Klimt, 'Ettore e Andromeda' di De Chirico, 'San Giorgio e il drago' di Paolo Uccello, 'Il violinista' di Chagall. Con tali travestimenti artistici è stata ospite presso il Folkmuseum di Amburgo e di Lubecca, al Festival Internazionale dei Costumi a Pechino e Shangai e ha avuto articoli dedicati su “Travel & Life”, “Bünte”, “Jardin de Mode”, il “Venerdì di Repubblica” e lo speciale dedicato al Carnevale di Venezia edito dal gruppo Repubblica Espresso nel 2012.

Di lei Paolo Mameli ha scritto:

"Ogni volta che penso a Rossana Molinatti, mi torna in mente uno di quegli Elfi nordici laboriosi all’inverosimile che riescono continuamente a stupirti con le loro mille magie: Rossana, infatti, la potresti giudicare una valente pittrice, ma poi vieni a scoprire che ci sa fare, eccome!, anche dietro alla macchina da presa, tanto da far messe di importanti premi a livello internazionale. Ma non basta: se, durante il Carnevale Veneziano ti imbatti un una “pittura vivente”, dal Veronese a Klimt o addirittura a Picasso, puoi star certo che sotto quegli strani panni e quella raffinatissima cartapesta, c’è sempre lei. È infatti proprio grazie a questi fantastici travestimenti che, come lei stessa ama definire sono un omaggio all’Arte con la A maiuscola, si è ritrovata immortalata sulla copertina di Venerdì di Repubblica o protagonista di un articolo a lei interamente dedicato della prestigiosissima rivista Travel & Life. Anche la sua pittura, per molti versi, rispecchia questo suo carattere poliedrico, solare ma, soprattutto, curioso, ma di una curiosità sana, di quella che ti porta in continuazione a scavare e a scoprire, di quella che non ti rende mai pago e ti invita a raggiungere sempre nuove frontiere: dai leggiadri e raffinati nudi tracciati con un pennello veloce che pare voler accarezzare la tela, alle serigrafie ricche di colore nelle quali a mano a mano che ti avvicini scopri sempre più nuovi dettagli e nuovi particolari finché ti rivelano un vero e proprio mondo nel mondo, ai paesaggi della sua Venezia, colti quando sono immersi nella bruma mattutina dai colori ovattati, magari con i palazzi che si riflettono nelle acque dei canali. A questo proposito mi piace ricordare il dipinto intitolato appunto Riflessi, nel quale le sagome delle case veneziane si percepiscono solo come un insieme di frammenti dalle mille sfaccettature, visione che solo chi pratica questa città unica conosce bene, tra le quali si riflettono un cielo azzurro e una nuvola rosa che ci riportano dritti dritti alle tinte e alle suggestioni degli affreschi di Giovan Battista Tiepolo. E poi ci sono le opere che, come soggetto, hanno i fiori: opere sempre giocate sugli accostamenti cromatici che ti infondono un senso di freschezza e di allegria, sia che si tratti di oli dalle pennellate intense, sia che si tratti di grafiche stilizzate dal segno rapido e deciso ma al contempo morbido e fantasioso, talvolta sognante. Sì, fantasioso e sognante proprio così com’è lei, la magica Rossana".

Alle 21.30, in apertura di Valdarno Cinema Fedic, Rossana Molinatti inaugurerà la mostra nel foyer del cinema.

Cultura

 
comments powered by Disqus
Roberto Riviello
Controcorrente
Esce a gennaio il nuovo film di Checco Zalone, Tolo Tolo,...
Julian Carax
Un.Dici
Non è da tutti — almeno a queste latitudini — il privileg...