08.12.2015  07:56

Rinasce l'antica arte degli speziali vallombrosani, protagonisti aromi e profumi della foresta

di Glenda Venturini
Da qualche mese le essenze della foresta sono state studiate e combinate insieme secondo le antiche ricette della spezieria dell'abbazia di Vallombrosa. E così quell'antica arte è tornata in vita


commenti

Leggi gli Speciali:  Valdarno da riscoprire

Data della notizia:  08.12.2015  07:56

Un millennio di storia custodito nell'antica foresta di Vallombrosa, che rinasce grazie ai profumi e agli olii essenziali. Un viaggio fatto di aromi unici che affondano le loro radici in quella storia iniziata grazie a San Giovanni Gualberto, il Santo delle foreste e patrono dei forestali che nel 1036 si ritirò a Vallombrosa fondando l’ordine dei monaci Benedettini Vallombrosani e l’imponente abbazia. 

La storia dell'Abbazia è sempre stata legata a quella della foresta, dello studio dei suoi componenti, delle proprietà curative. Furono i monaci, nei secoli successivi alla nascita del monastero, a dar vita alla grande tradizione botanica vallombrosana studiando ed impiantando quella che oggi è una delle riserve biogenetiche più particolari e ricche del paese. 

A Vallombrosa, già nel 1689, esisteva una spezieria molto famosa e dalla quale nacque la scuola di Vallombrosa a cui appartennero naturalisti illustri come l’abate Virgilio Falugi, una delle grandi figure della storia botanica italiana. Sul finire del 1700, nonostante la già presente cultura e tradizione di selvicoltura e botanica, il monaco Antonio Fornaini diede una nuova propulsione per salvaguardia delle foreste ritenendo la selvicoltura una disciplina autonoma rispetto alle altre.

È in questo contesto che Vallombrosa diventa nel tempo meta d’incredibili e molteplici viaggiatori. Tra questi Mary Shelley, l'autrice di Frankenstein, l’Ariosto, Arthur Wellesley Duca di Wellington, Gabriele D’annunzio, Galileo Galilei e Frederic Chopin, tanto per citarne alcuni, senza dimenticare John Milton, che nel suo Paradiso Perduto volle brevemente descrivere questo luogo. 



Negli ultimi mesi, alcuni reggellesi hanno provato a riaccendere l'interesse anche sui profumi e sulle essenze che caratterizzano la foresta vallombrosana. Così è nata l'esperienza degli Speziali Vallombrosani, piccola linea locale composta esclusivamente da prodotti legati alla foresta: tra i protagonisti il faggio e il pino nero, piante simbolo insieme all'abete bianco di quell'immenso polmone verde che sovrasta il Valdarno. 

Cultura

 
comments powered by Disqus
Julian Carax
Un.Dici
Stavo scrivendo una roba sui destini incrociati di Kobe e...
Roberto Riviello
Controcorrente
La crisi del Movimento Cinquestelle pare ormai avere ragg...