17.05.2020  19:06

Ricci-Camiciottoli: "Il sindaco rimane in campagna elettorale perenne"

di Monica Campani
I due consiglieri di Avanti Montevarchi tornano sulla questione del macchinario per i tamponi e sulla Asp


commenti

Data della notizia:  17.05.2020  19:06

Paolo Ricci e Fabio Camiciottoli, consiglieri di Avanti Montevarchi, tornano sulla questione del macchinario per i tamponi "Vita-PCR Menarini" regalato tramite una raccolta di fondi all'ospedale e che non ha superato le prove di validazione e la situazione della Asp.

"Il Sindaco Chiassai-Martini ha fatto dell’esposizione mediatica la propria caratteristica politica. Chiacchiere, fotografie, accuse ma poco governo delle cose. La vicenda del macchinario sui tamponi è esemplificativa: ella ha forzato la mano per comprare un macchinario con i soldi dei cittadini di Montevarchi per qualcosa che, al momento, è ritenuto inadatto dalla struttura cui lei lo ha “donato” tra squilli di tromba e applausi della solita corte. Con il risultato che adesso ci troviamo nella spiacevole situazione di aver vanificato lo sforzo di solidarietà di tanti montevarchini, cui va il nostro riconoscimento e apprezzamento. Dopo aver accusato in malo modo il Presidente della Regione Enrico Rossi di averle copiato l’idea, si è messa ad alzare il solito polverone dando la responsabilità a destra e a manca. Bene Sindaco questa idea è stata la sua, ne siamo convinti tutti. Adesso veda lei il da farsi e invece di cercare il nemico di turno spieghi, più che a noi ai cittadini, le scelte che ha compiuto".

"La vicenda della Casa di Riposo è un’ altra questione esemplificativa. Il 20 marzo, mentre scoppia la questione COVID-19 a Bucine Il Sindaco Chiassai elogia ai quattro venti il proprio operato, quello del Consiglio d’Amministrazione della ASP di Montevarchi e della Cooperativa; dopo pochi giorni, quando la situazione COVID-19 a Montevarchi è diventata fuori controllo, passa ad accusare pubblicamente la Regione, la ASL e la cooperativa facendo addirittura un esposto alla Magistratura".

"Il Consiglio comunale straordinario, chiesto a gran voce dalla minoranza, è stato due giorni a discutere senza riuscire a produrre un documento di sintesi. L’unico atto presentato da una parte delle minoranze è stato sdegnosamente bocciato senza motivazione dal Sindaco e da una maggioranza inerte. Per loro, evidentemente, alla Casa di Riposo è andato e va tutto bene; la responsabilità di quello che è successo è sempre di altri; che il Sindaco abbia, di fatto, “commissariato” il CdA della ASP e che ci siano state, quantomeno, delle sottovalutazioni e delle intempestività nella gestione dell’emergenza è un fenomeno secondario; come parrebbe secondario che il braccio di ferro tra la ASL e il Sindaco abbia prodotto effetti negativi nella gestione dell’emergenza".

Ricci e Camiciottoli concludono: "Quello che appare chiaro è che il Sindaco rimane in campagna elettorale perenne ma, a volte, l’eccessiva esposizione mediatica e la continua rissosità contro tutto e contro tutti dipingendo un mondo di sabotatori, alla lunga, può diventare controproducente. Purtroppo, da questo modo di fare rischia di rimetterci non solo Chiassai Martini ma l’intera città di Montevarchi".

 

 

 

Politica

 
comments powered by Disqus
Roberto Riviello
Controcorrente
Quando ci provò Berlusconi, a ipotizzare la costruzione d...
Julian Carax
Un.Dici
È vero, per quanto possiamo indignarci, a noi uomini bian...
Alessio Bigini
Alessio Bigini Software/Electro Lab
Ciao a tutti, in questo articolo andremo a recensire un n...