21.02.2014  17:43

Questione Ricasoli, interviene il sindaco Grasso: "Seguiamo costantemente la vicenda. Nessuna incongruenza nella nomina del direttore dei lavori"

di Federica Crini
Dopo la risposta dell'assessore Righi, oggi interviene anche il sindaco di Montevarchi per far chiarezza su alcuni aspetti dell'opera legata alla messa in sicurezza della frana di Ricasoli, rispondendo anche alle critiche e accuse sulle presunte irregolarità nella nomina del direttore ai lavori


Dopo le parole dell’assessore ai lavori pubblici Arianna Righi, sulla questione della frana di Ricasoli interviene anche il sindaco di Montevarchi Francesco Maria Grasso per fare chiarezza su una situazione “delicata e critica da molti decenni: questa giunta si è attivata da subito perché l’intervento da effettuare era imponente e si è attivata soprattutto nella ricerca di finanziamenti”.
 
Il primo cittadino è tornato a sottolineare che in questa dei lavori, il finanziamento della Regione consente di intervenire sulla parte interessata dagli scivolamenti di terra, concentrati nel versante a nord-ovest, quello più critico e vicino alle abitazioni e all’altezza della chiesa, mentre nel restante lato settentrionale gli operai hanno provveduto a liberarlo dalla vegetazione.
 
“In questi mesi la zona è in continuo monitoraggio per tenere sotto controllo la situazione” – ha dichiarato il sindaco – “Il progetto sarà rimodulato per bloccare la parte più superficiale per poi riaffrontare anche il movimento in profondità”. Anche Grasso, come l’assessore Righi, ha sottolineato l’importanza fondamentale dei monitoraggi.
 
In risposta alle polemiche politiche dei giorni scorsi sulla nomina del Direttore dei lavori, il sindaco dichiara che “questa amministrazione comunale ha rispettato tutte le norme di legge e non vi è nessuna incongruenza sulla legalità e validità della nomina stessa. L’aver individuato un tecnico idoneo, che ha tutti i requisiti sia professionali che giuridici per questo incarico, segue anche la recente normativa in materia di taglio delle spese della pubbliche amministrazioni, per la quale si deve procedere alla tendenziale eliminazione degli incarichi esterni”.
 
“Una scelta che porta da un lato, a responsabilizzare il personale interno e dall’altro a risparmiare la corresponsione di parcelle che, per un incarico di direzione dei lavori ad un soggetto esterno nell’appalto in questione, non ammonterebbe a meno di 50/60 mila euro”, specifica il sindaco, apprezzando anche la presa di posizione di alcuni consiglieri regionali: “Queste persone sollecitano la Regione Toscana a finanziare ulteriormente l'opera, visti i nuovi movimenti franosi in corso”.
 
“La speranza è che questo dibattito si ampli e coinvolga anche altri gruppi consiliari, per un esito positivo di tutta la vicenda, che comunque l’amministrazione segue giorno per giorno” – conclude il primo cittadino di Montevarchi – “Rimane in ogni caso la solidarietà e la vicinanza verso gli abitanti di Ricasoli che possono star tranquilli di avere sempre accanto l’amministrazione comunale e l’intera città in questi momenti di difficoltà”.
 

Cronaca

 
comments powered by Disqus