29.03.2018  19:23

Per i danni subìti dai pendolari del Valdarno il sindaco chiede un risarcimento

di Monica Campani
Il sindaco di Cavriglia stamani ha scritto una lettera all'assessore ai trasporti della Regione Toscana Vincenzo Ceccarelli


Massima attenzione e sensibilità per i pendolari del Valdarno che negli ultimi mesi hanno patito numerose difficoltà: questo ha chiesto Il sindaco di Cavriglia Leonardo Degl'Innocenti o Sanni con una lettera all'assessore ai trasporti della Regione Toscana  Vincenzo Ceccarelli.

“Sarebbe opportuno riconoscere un risarcimento tramite il rimborso totale o parziale dell'abbonamento ai pendolari del Valdarno che hanno patito disagi negli ultimi mesi”. 

“Premesso che nessuno ha la bacchetta magica per risolvere facilmente problemi assai complessi – ha scritto il primo cittadino -, riconosciamo un grande lavoro da parte della Regione Toscana nel campo ferroviario, soprattutto negli ultimi anni, a partire dai corposi investimenti (treni nuovi, potenziamento della rete, lavori nelle stazioni) volti anche a limitare gli annosi ritardi dei convogli per i pendolari del Valdarno, dovuti all'eccessivo traffico dei treni nel tratto compreso tra il Valdarno e Firenze (288 treni al giorno)”. 

Quindi la richiesta di attenzione e di risarcimento. “Visti gli spiacevoli e ripetuti ritardi che i pendolari sono costretti quasi quotidianamente a subire, siamo a chiederTi di impegnarTi presso le sedi più opportune per far riconoscere loro, nei mesi di peggiori disagi, il rimborso del costo dell’abbonamento, corrispondendo così sia il prezzo del servizio non regolarmente usufruito ma anche un indennizzo per le difficoltà patite. Riteniamo che questa sia una misura simbolica ma importante, che riconosce un disagio al cittadino proveniente dal Valdarno che ogni giorno si reca a Firenze per esigenze personali o professionali, e che si trova costretto a subire ritardi anche importanti che non dipendono in alcuna misura da lui ma dei quali può subire conseguenze anche sul piano personale”.

Politica

 
comments powered by Disqus