22.03.2016  22:43

Parcheggi della stazione, approvata la mozione del Pd. Il testo è stato emendato: salta l'ipotesi di posti a pagamento

di Eugenio Bini
Il consiglio comunale approva la mozione del Pd sui posti auto alla stazione di Figline. Ma, dopo le polemiche e le discussioni, il testo è stato emendato: eliminata l'ipotesi dei parcheggi a pagamento per i non residenti, la questione passa in mano all'amministrazione comunale e successivamente alla seconda commissione consiliare. Farini: "Trovare soluzioni concrete a lungo termine per la manutenzione".


Approvata la mozione del Pd sui parcheggi della stazione di Figline, ma senza l'ipotesi di istituire posteggi a pagamento per i non residenti.

Dopo settimane di discussioni e polemiche, con interventi anche delle amministrazioni comunali limitrofe, il consiglio comunale di Figline e Incisa si è occupato della mozione presentata dalla capogruppo dei dem, Francesca Farini: "“Parcheggi stazione Fs di Figline. Richiesta proposte per agevolare i residenti del Comune Figline e Incisa”

L'atto di indirizzo è stato approvato all'unanimità, ma con emendamenti. Il Pd ha presentato infatti una modifica - una analoga era stata presentata anche dalla minoranza - alla parte finale della mozione, in cui il consiglio chiede all'amministrazione di "trovare soluzioni per agevolare la fruibilità da parte dei residenti del Comune di Figline e Incisa, anche valutando il corrispettivo per l'utilizzo dei parcheggi per da parte dei residenti di altri Comuni".  

Con l'emendamento è stato cassato il riferimento al "corrispettivo". Salta quindi l'ipotesi di istituire parcheggi a pagamento per i non residenti. 

La questione adesso sarà affrontata dall'amministrazione comunale: "La mozione chiede infatti alla giunta - spiega la capogruppo Francesca Farini - di attivare un percorso con l'ufficio tecnico, la polizia municipale, in collaborazione con le altre amministrazioni limitrofe e l'ausilio della città metropolitana. L'obiettivo è quello di avviare un progetto di manutenzione ordinaria a lungo termine e politiche volte a incentivare la mobilità sostenibile per diminuire l'utilizzo delle auto".

Quando saranno trovate proposte operative queste saranno vagliate dalla seconda commissione. E proprio al riguardo è stato approvato un altro emendamento, presentato dal consigliere di minoranza Piero Caramello, con l'obiettivo di aprire un confronto con associazioni e comitati una volta che la commissione avrà valutato le varie soluzioni da poter attuare. 
Aggiornamenti
Più di una settimana fa
Lorenzo Naimi (M5S): "Senza le contestazioni non sarebbe finita così"
Sulla questione interviene anche il Movimento 5 Stelle: "Il fatto che sia stata eliminata la parte relativa ai parcheggi a pagamento ci fa piacere - sottolinea in una nota il capogruppo Lorenzo Naimi - tuttavia non osiamo pensare cosa sarebbe successo se anche il M5S non avesse sollevato la questione sia in commissione che in Consiglio Comunale. Diciamo che il PD ci aveva provato, purtroppo la questione ha sollevato il malcontento di molti ed allora hanno dovuto fare marcia indietro. La cosa più preoccupante riguarda il fatto che per attirare l’attenzione sul parcheggio della stazione è necessario presentare una mozione che va toccare il portafogli dei cittadini invece di attivare un percorso condiviso con le altre amministrazioni. Questo comportamento - conclude Naimi - denota una totale mancanza di autorevolezza che costantemente abbiamo riscontrato nel Sindaco Mugnai e che certo non ci lascia tranquilli per lo sviluppo della questione e per questo non abbiamo preso parte alla votazione".
Più di una settimana fa
La soddisfazione di Maurizio Da Re: "Una vittoria del comitato"
Puntuale su facebook arriva anche il commento del portavoce del comitato Pendolari Valdarno Direttissima, Maurizio Da Re: “Dietrofront del Pd del Consiglio Comunale di Figline e Incisa: cancellata la proposta del parcheggio a pagamento per i pendolari non residenti alla stazione ferroviaria. E’ una vittoria del Comitato Pendolari”

Cronaca / Politica

 
comments powered by Disqus