20.04.2017  23:47

Palazzo d'Arnolfo riapre le porte al consiglio comunale. Presente una delegazione di Srebrenica

di Monica Campani
La seduta si terrà giovedì 27 aprile alle 14.00. La delegazione della città gemellata con San Giovanni è in visita istituzionale in occasione del Torneo internazionale Masaccio


commenti

Data della notizia:  20.04.2017  18:47  /  Ultimo aggiornamento:  20.04.2017  23:47

Lo storico Palazzo d'Arnolfo, sede del Museo delle Terre Nuove, ospiterà ancora una volta le sedute del consiglio comunale di San Giovanni da giovedì 27 aprile alle 14.00.

Sarà l'occasione anche per accogliere nel migliore dei modi la delegazione di Srebrenica, città gemellata con San Giovanni, che arriva in zona, in visita istituzionale, con la squadra per il Torneo internazionale Masaccio. Una tradizione che si ripete.

Dopo il saluto istituzionale la comunità sangiovannese potrà dare il benvenuto alla delegazione durante la cena di accoglienza e solidarietà organizzata dal Comune con la collaborazione della Pro Loco e dell’Ente Basilica di SS. Maria delle Grazie che si terrà presso i Saloni della Basilica alle 20.00.

San Giovanni ha siglato un patto di gemellaggio con Srebrenica il 3 marzo 2012 nell'ambito di un progetto che ha visto coinvolti anche altri cinque comuni del Valdarno. Ogni 11 luglio il comune di San Giovanni ricorda con i rintocchi della campana di Palazzo d'Arnolfo gli eccidi di 8.000 cittadini del 1995 in Bosnia.

 

Aggiornamenti
Più di una settimana fa
Cresce San Giovanni ringrazia il presidente del consiglio
"Finalmente Palazzo d'Arnolfo torna ad essere sede della massima assise cittadina: il consiglio comunale. Lo abbiamo chiesto insistentemente per anni ritenendo che il vero palazzo comunale dovesse avere una dignità e un luogo riconoscibile da parte di ogni sangiovannese. Diamo atto ad Andrea Romoli, presidente del consiglio comunale, di aver mantenuto la promessa fattaci e lo ringraziamo. Dal 27 Aprile la nostra San Giovanni avrà la giusta sede di rappresentanza"

Politica

 
comments powered by Disqus