16.03.2017  17:02

"Ovunque proteggi": alla biblioteca di Cascia il documentario sulla strage di Viareggio

di Glenda Venturini
Venerdì 17 marzo alla Biblioteca comunale di Reggello sarà proiettato il documentario “Ovunque proteggi”, alla presenza dei familiari delle vittime della strage ferroviaria di Viareggio e del regista Bondielli. Serata organizzata dall’associazione Terra Liberi Tutti


commenti

Data della notizia:  16.03.2017  17:02

Un cortometraggio dedicato alla strage ferroviaria di Viareggio: si chiama "Ovunque proteggi", e sarà proiettato venerdì 17 marzo dalle 21 presso la Biblioteca comunale di Cascia Reggello. Per l'occasione, saranno presenti i familiari delle vittime della strage insieme al regista massese Massimo Bondielli, in una serata organizzata dall’associazione Terra Liberi Tutti, con il patrocinio del Comune di Reggello.

Quella di Reggello è la 53° proiezione pubblica del cortometraggio, che vede i familiari delle vittime con la loro Associazione "Il Mondo che Vorrei - Onlus", nata a Viareggio all'indomani della strage ferroviaria del 29 giugno 2009, raccontare ai cittadini presenti in sala la trasformazione del loro dolore intimo e personale in una battaglia di civiltà per tutti.

Scritto da Massimo Bondielli e Gino Martella e prodotto dalla Caravanserraglio Film Factory, il cortometraggio in 12 minuti racconta la dimensione umana, materiale, sconvolgente e inaccettabile di quanto accaduto la notte del 29 giugno 2009 nella stazione ferroviaria di Viareggio. Una strage in cui persero la vita 32 persone, bruciate vive nelle loro case.

Selezionato a 24 festival con 8 premi vinti, "Ovunque proteggi" è stato tra i documentari italiani più premiati del 2015. Il 21 maggio 2016 a Cannes, Massimo Bondielli e Marco Piagentini hanno ritirato il premio di Best Documentary vinto al Global Short Film Awards di New York. Attualmente, gli autori sono a lavoro sul documentario dal titolo "Il sole sulla pelle", che racconterà in un lungometraggio la vicenda della Strage ferroviaria di Viareggio, esplorando il rapporto umano con il dolore, le grandi paure e i grandi sogni. 

Cultura

 
comments powered by Disqus