20.09.2012  16:16

Nei boschi sopra Torsoli entrano in azione i cani molecolari. Nuovo tentativo nelle ricerche di Iolanda Secci

di Glenda Venturini
Segugi della razza Bloodhound vengono utilizzati da questa mattina nella zona della scomparsa della donna, 87 anni, di cui non si hanno più tracce da domenica scorsa. La speranza è che l'olfatto particolarmente acuto di questi animali aiuti nelle ricerche, finora infruttuose


Sono i cani molecolari, segugi della razza Bloodhound, la nuova speranza nelle ricerche di Iolanda Secci, l'87enne di Lucolena scomparsa domenica scorsa da Castagnoli, località vicina a Torsoli, nel comune di Greve vicino al confine con Figline. 

Da allora non si è mai arrestata la macchina delle ricerche, che vede impegnati decine di uomini: i Carabinieri della compagnia di Figline, i Vigili del fuoco anche con il nucleo cinofilo, il Gaib, La Racchetta, la Polizia municipale, ed il Gucs, il gruppo unità cinofile di soccorso, il Corpo Forestale dello Stato, il Soccorso alpino e speleologico della Toscana con i tecnici della stazione Falterona, la protezione civile ed il 118. E ora, appunto, anche questi segugi speciali, dal fiuto particolarmente spiccato. 

Ieri l'appello della famiglia, anche attraverso 'Chi l'ha visto?', a tutti gli abitanti delle zone limitrofe di Lucolena, in particolare dei paesi di Radda, Castelnuovo dei Sabbioni, Greve e Figline, di tenere gli occhi aperti. La donna, forse in stato confusionale, potrebbe aver camminato anche per molti chilometri. Chiunque abbia notizia, può contattare il nipote Cristiano Pari al 333.7127362, o il figlio, Marco Pari ai numeri 338.6919024 o 055.851088.

Cronaca

Edizioni locali collegate:  Figline Incisa

Data della notizia:  20.09.2012  16:16

 
comments powered by Disqus