23.04.2013  20:01

Nasce l'Anpi di Rignano e Reggello

di Andrea Tani
Prima sezione del Valdarno fiorentino per l'Associazione nazionale partigiani d'Italia. L'atto costitutivo firmato venerdì scorso da 64 cittadini. "Necessario impegnarsi per conservare la memoria e contrastare il nuovo fascismo anche nel nostro territorio"


commenti

Data della notizia:  23.04.2013  20:01

È nata venerdì scorso la ‘Anpi Rignano-Reggello’, sezione locale dell’Associazione nazionale partigiani d’Italia nata per volontà di un gruppo di cittadini “impegnati a mantenere alti i valori dell’antifascismo”. L'atto costitutivo è stato firmato da 64 cittadini di Rignano e Reggello durante la prima assemblea di sezione al circolo Arci di Leccio.
 
“Oggi più di ieri - spiega il gruppo promotore in una nota - si è reso necessario impegnarsi per la conservazione della memoria storica del territorio promuovendo, tutelando e diffondendo la conoscenza delle vicende e dei valori che la Resistenza ci ha consegnato. Valori civili e democratici guadagnati sul campo col sacrificio di tanti partigiani, che diedero vita attraverso la Resistenza alla sconfitta del nazi-fascismo. Questo patrimonio ideale  ci obbliga moralmente a consegnarlo a chi verrà dopo di noi, come elemento fondante della Costituzione della Repubblica”.

L’Anpi Rignano-Reggello intende inoltre “impegnarsi per contrastare, nel nostro territorio, la nascita ed il diffondersi di idee o pratiche riconducibili al ‘nuovo’ fascismo, che attualmente hanno avuto alcune forme di riconoscimento. Il 25 aprile è una festa popolare che ricorda la nostra Liberazione, riteniamo insostenibile l’apertura forzata dei centri commerciali della zona dove si tende a disperdere il valore storico di questa ricorrenza, obbligando tanti giovani precari a sottostare forzosamente alle logiche di mercato”.

Il gruppo è già al lavoro sulla prossima assemblea, durante la quale saranno decisi l’assetto organizzativo e la proposta di eleggibilità di referenti e responsabili di sezione.

Cultura / Sociale

 
comments powered by Disqus