02.10.2016  22:20

Meningite, la Regione prolunga la campagna straordinaria di vaccinazione

di Glenda Venturini
Sarebbe dovuta scadere il 30 settembre scorso, e invece sarà in vigore fino al 31 marzo 2017, la campagna straordinaria antimeningococco C della Regione Toscana. Mentre parte la campagna istituzionale per le vaccinazioni in età pediatrica


commenti

Leggi gli Speciali:  Meningite, l'emergenza in Toscana

Data della notizia:  02.10.2016  22:20

La Regione prolunga la campagna straordinaria di vaccinazione contro il meningococco C, lanciata a fine aprile scorso, sulla scia di una situazione di particolare emergenza in Toscana. Con una delibera approvata dalla giunta nel corso dell'ultima seduta, è stato stabilito che la campagna (che sarebbe dovuta scadere il 30 settembre) proseguirà fino al 31 marzo 2017.

L'obiettivo è di aumentare ancora la copertura. La Regione ha presentato alcuni dati: dall'inizio della campagna vaccinale straordinaria (fine aprile 2015) al 31 agosto 2016 sono state somministrate in totale 688.097 vaccinazioni, di cui 188.051 nella fascia di età 11-20; 315.199 nella fascia 20-45; 184.487 nella fascia dai 45 in su. Risulta sia stato coperto più del 60% dei soggetti nella fascia 11-20 anni; inoltre, ha aderito il 76,9% dei pediatri di famiglia e l'85% dei medici di medicina generale. 

Nel frattempo, la Regione è pronta a lanciare una nuova campagna informativa, legata questa volta ai vaccini in età pediatrica, messa a punto assieme all'azienda ospedaliero universitaria Meyer. Negli ultimi anni, infatti, una crescente disaffezione da parte dei genitori nei confronti delle vaccinazioni sta determinando un calo della copertura vaccinale nei bambini a 24 mesi di età, che sta preoccupando le Regioni italiane e il Ministero della Salute. 

Dai dati di copertura rilevati al 31 dicembre 2015, si registra anche in Toscana un trend in calo della copertura a 24 mesi di età per le vaccinazioni previste dal calendario vaccinale: una flessione minima, ma significativa, in quanto fa scendere al di sotto del livello minimo di sicurezza previsto dal Piano Nazionale di Prevenzione Vaccinale (95%) la copertura con vaccino esavalente (difterite, tetano, polio, pertosse, epatite B, Haemophilus influenzae).

La Regione fornisce i dati relativi ai vari vaccini: per la polio nel 2012 la copertura era al 95,3%, nel 2015 è scesa al 94,9%; per la difterite, 96,5% nel 2012, 94,9% nel 2015; per l'epatite B, 95,1% nel 2012, 94,8% nel 2015. La flessione interessa anche le altre vaccinazioni del calendario regionale quali parotite, rosolia, morbillo, queste ultime oggetto, tra l'altro, di uno specifico programma nazionale di eliminazione. Anche qui, qualche esempio: morbillo, 91,1% nel 2012, 88,7% nel 2015; rosolia, 91,1% nel 2012, 88,6% nel 2015.

Da qui la decisione di intervenire con una campagna di comunicazione, che si svolgerà su varie piattaforme, anche con l'apertura di una apposita sezione del sito della Regione Toscana (consultabile qui). 

 

Sociale

 
comments powered by Disqus