02.07.2012  16:23

Lunghe code all'ufficio postale di Faella, cittadini esasperati. Il sindaco: "Situazione indecente, le Poste mi avevano già promesso soluzioni, tornerò a verificare"

di Glenda Venturini
Tempi di attesa che, questa mattina, sono arrivati a superare i 60-70 minuti, per qualsiasi tipo di servizio offerto: all'ufficio postale di Faella, infatti, c'è un solo addetto al lavoro, che deve occuparsi di tutto. La gente, esasperata, ha già scritto lettere di lamentele a Poste Italiane, ma a poco è servito. E il sindaco promette: "Tornerò a verificare di persona, ma avevo già intimato alla società di risolvere i problemi a Faella"


La situazione è la stessa da oltre un anno, ormai, salvo qualche periodo più fortunato. All'ufficio postale di Faella, se dovete pagare anche solo un bollettino, armatevi di tanta pazienza: utenti e cittadini della frazione più  sanno bene, infatti, che sarà necessario aspettare almeno mezz'ora, se è una mattinata buona. Se invece siamo ai primi del mese, come stamattina, si supera anche l'ora di attesa. 

"Non è certo colpa della persona che è al banco - commentavano stamani ai cittadini - lei fa quello che può. Ma non è certo normale che un ufficio postale con tutti questi accessi ogni giorno debba contare solo su una persona. Abbiamo anche scritto delle lettere di lamentela alle Poste, ma non sembra siano servite a molto". Pagamenti delle pensioni, consegna delle raccomandate, servizi finanziari, bollettini, invio di pacchi e così via: passa tutto da un solo addetto, l'unico presente. E nei momenti peggiori sono anche più di venti le persone in attesa, tra l'altro senza nemmeno un distributore di 'numerini' che tenga l'ordine della coda. Un caos, di fatto. 

"Già qualche mese fa avevo segnalato alla direzione di Poste Italiane la situazione indecente di Faella - commenta oggi il sindaco, Nazareno Betti - mi avevano promesso che sarebbero intervenuti per risolvere i problemi, invece ora mi vengono segnalati nuovi disagi. Verificherò anche di persona, ma so già che è una situazione particolarmente critica. I cittadini hanno ragione a lamentarsi: si tratta di un servizio pubblico, che deve essere garantito in dei tempi almeno umani". 

Cronaca

 
comments powered by Disqus