15.09.2016  00:09

Lottizzo La Badiola: il sindaco precisa dopo l'intervento della Lista civica

di Monica Campani
Dopo l'intervento di Terranuova in Comune incentrato sui disagi delle 75 famiglie residenti nell'area che adesso sono senza illuminazione esterna, il sindaco Sergio Chienni chiarisce


commenti

Data della notizia:  14.09.2016  17:25  /  Ultimo aggiornamento:  15.09.2016  00:09

Terranuova in Comune interviene di nuovo sui disagi vissuti dalle 75 famiglie residenti nel lottizzo La Badiola, adesso senza illuminazione esterna, e il sindaco Sergio Chienni risponde per chiarire.

“Ritengo che sbagli l’opposizione a strumentalizzare il disagio delle persone e ad approcciarsi in maniera semplicistica a problemi complessi, perché i cittadini vanno sostenuti nella correttezza dei contenuti trasmettendogli i reali margini di azione che ha l’amministrazione”.

“La prima considerazione – dice il primo cittadino – è che abbiamo inserito nel nostro programma elettorale la presa in carico dei lottizzi e siamo già a buon punto. Infatti, nonostante le complessità da affrontare, abbiamo già interamente preso in carico il lottizzo Paperina nel capoluogo e il lottizzo Melograno alle Ville. Si tratta di provvedimenti che riguardano più di mille cittadini, alcuni dei quali attendevano una soluzione in tal senso addirittura dagli anni ‘90. Questo a testimonianza dell’impegno riversato sull’attuazione del programma, inclusa questa materia. Un impegno fattivo che contraddice quanto sostenuto dall’opposizione”.

Sulla questione de La Badiola e sulla mancanza di illuminazione il Sindaco spiega che “il lottizzo non ha illuminazione pubblica perché l’impresa che ne detiene il possesso non ha pagato le ultime bollette di fornitura dell’energia elettrica. È sbagliato sostenere che gli uffici comunali non controllano perché gli stessi non hanno possibilità di visionare i rapporti contrattuali e lo stato dei pagamenti intercorrenti tra il soggetto che eroga l’energia elettrica e l’impresa appaltatrice. Appare chiaro quindi che il Comune viene a conoscenza del fatto solo successivamente a quando la corrente è stata sospesa e ne approfondisce le cause chiedendo all’impresa appaltatrice le ragioni della mancata illuminazione”.

“Tra l’altro –afferma – in questa circostanza l’impresa appaltatrice in un primo momento aveva comunicato che il motivo della sospensione era dovuto ad una mancata consegna di un’autorizzazione da parte della stessa e solo successivamente ha riferito che si trattava invece di un mancato pagamento”.

Poi la fideiussione. “È bene precisare che la fideiussione a cui fa riferimento l’opposizione non riguarda le opere di urbanizzazione primaria, oggetto dei problemi in essere (strade, parcheggi ecc.), ma di urbanizzazione secondaria (un edificio pubblico). La ditta appaltatrice secondo la convenzione sottoscritta in riferimento alla lottizzazione doveva realizzare un edificio pubblico entro il 2011. Al 2014 – dice il Sindaco – la costruzione di tale edificio non era neanche iniziata. A fronte di una così palese inadempienza contrattuale il dirigente comunale non poteva che escutere la fideiussione sottoscritta dalla ditta a garanzia della realizzazione dell’opera, cosa che ha fatto”.

“Leali all’impegno che ci siamo presi, nell’ambito e nei limiti delle convenzioni sottoscritte – conclude Sergio Chienni – continuiamo anche in questa circostanza ad assumerci le responsabilità e a lavorare per dare supporto ai cittadini”. -

Aggiornamenti
Più di una settimana fa
Terranuova in Comune
"Ci fa piacere che il sindaco torni all'impegno sul lottizzo la Badiola soltanto dopo l'intervento di Terranuova in Comune. Non possiamo tuttavia ignorare che questa vicenda si porti avanti da più di 13 anni. Niente al momento è stato fatto dall'attuale sindaco. Niente l'attuale sindaco ha fatto quando e' stato assessore all'Urbanistica con competenze dirette, tantomeno quando è stato capogruppo di maggioranza. Non è degno di nota, a nostro giudizio, che il Comune di Terranuova abbia preso in carico alcuni lottizzi abitativi, perché ciò dovrebbe essere la regola e non l'eccezione. Per il lottizzo della Badiola si tratta di una situazione complicata, ma amplificata anche dalla decisione dell'attuale amministrazione comunale di riscuotere dalla azienda appaltatrice la fideiussione secondaria di 850mila euro, 750mila dei quali, lo ricordiamo, serviti per finanziare la ex scuola delle Ville. Una scelta sbagliata perché il Comune avrebbe dovuto impegnarsi per la conclusione delle opere primarie: strade, fognature, illuminazione. Al lottizzo oggi ci sono condizioni di possibile pericolo per la sicurezza urbana, decoro, igiene pubblica. Condizioni per le quali il sindaco avrebbe il potere di intervento. La buona amministrazione si realizza rispondendo alle priorità dei cittadini. Il ruolo dell'opposizione è quello di vigilare e di controllare l'operato del Comune. Questa si chiama democrazia. Se cercare di migliorare la qualità della vita di 75 famiglie del lottizzo significa per il sindaco strumentalizzare le questioni, può tenersi tranquillamente questa opinione".

Politica

 
comments powered by Disqus
Alessio Bigini
Alessio Bigini Software/Electro Lab
Ciao a tutti, in questo articolo andremo a recensire un n...
Roberto Riviello
Controcorrente
Che la senatrice a vita Liliana Segre debba andare in gir...