13.09.2016  11:25

Lottizzo Badiola senza luce. Terranuova in Comune: "Odissea infinita"

di Monica Campani
Dopo tredici anni i residenti hanno ancora problemi: adesso non hanno più l'illuminazione esterna gestita ancora dalla ditta appaltatrice. La Lista civica Terranuova in Comune interviene di nuovo


commenti

Data della notizia:  13.09.2016  11:25

Tredici anni residenti nel lottizzo della Badiola e ancora i cittadini devono combattere con i problemi legati ai lavori. Adesso la zona è senza illuminazione esterna, quella ancora gestita dalla ditta appaltatrice. Terranuova in Comune che dall'anno scorso si sta battendo per le 75 famiglie che vivono nel degrado torna all'attacco.

"È una vergogna. Dopo anni di promesse e riunioni per lavori pubblici mai terminati, i cittadini sono rimasti in questi giorni al buio. Il lottizzo è rimasto privo di illuminazione esterna, perché ancora gestita dalla impresa appaltatrice. Pare che il titolare non abbia rinnovato l'autorizzazione alla compagnia che eroga la corrente elettrica. Si tratterebbe di un foglio non consegnato nei tempi che avrebbe provocato l'interruzione della luce. Sarebbe l'ennesima riprova di un Comune e di un ufficio tecnico che non controllano. Abbiamo raccolto la rabbia degli abitanti".

Il gruppo consiliare all'opposizione ricorda anche l'impegno assunto dal sindaco e dalla giunta in consiglio comunale per la ripresa delle opere di urbanizzazione primaria: "A distanza di un anno dal consiglio comunale, richiesto dalla lista civica Terranuova in Comune, in cui il sindaco si era impegnato davanti alla popolazione della Badiola per il completamento delle opere, strade, marciapiedi, fognature e illuminazione, ancora niente si è mosso. Noi lo avevamo detto: la decisione di riscuotere dalla impresa appaltatrice 850mila euro di fideiussione per l'urbanizzazione secondaria, destinati non al lottizzo, ma 750mila dei quali per il rifacimento della ex scuola delle Ville, avrebbe difatto significato la paralisi dei lavori, almeno fino al 2017, anno in cui scade la convenzione del Comune con la ditta costruttrice. Così è. Noi avremmo obbligato la ditta appaltatrice a finire con urgenza i lavori di urbanizzazione primaria".

La Lista conclude puntualizzando anocra una volta la situazione di degrado in cui versa la zona e nella quale sono costretti a vivere i cittadini: "Nel lottizzo non si taglia l'erba, i cavi elettrici sono sempre scoperti; oggi manca pure l'illuminazione. È un cantiere aperto con condizioni di insicurezza e di degrado di cui il sindaco, a nostro giudizio, si deve assumere ogni responsabilità. Il Comune è sempre in prima linea per feste e festeggiamenti, ma non interviene prontamente dove ci sono situazioni prioritarie da risolvere. Siamo lontani anni luce dalle promesse della campagna elettorale di prendere in carico tutti i lottizzi a Terranuova e, sopratutto, di realizzare tutte le opere in quello della Badiola."

 


 

Cronaca / Politica

 
comments powered by Disqus
Alessio Bigini
Alessio Bigini Software/Electro Lab
Ciao a tutti, in questo articolo andremo a recensire un n...
Roberto Riviello
Controcorrente
Che la senatrice a vita Liliana Segre debba andare in gir...