19.04.2012  17:20

Leo Gullotta: da attore a doppiatore ed a produttore

di Monica Campani
Nella seconda giornata di Valdarno Cinema Fedic, tra gli ospiti illustri arriva Leo Gullotta, conosciuto ed amato attore di teatro, cinema, doppiatore ed a San Giovanni in qualità di produttore


commenti

Leggi gli Speciali:  Valdarno Cinema Fedic 2012

Data della notizia:  19.04.2012  17:20

Tra la recitazione e Leo Gullotta vi è una storia d'amore antica quanto il mondo. Grandissimo attore, doppiatore e cabarettista italiano, Salvatore Leopoldo, per tutti Leo, è un re  del palcoscenico italiano, del grande e del piccolo schermo. Un attore poliedrico, come tutti i grandi, che con  disinvoltura e maestria riesce a spaziare tra ruoli ironici e dissacratori a quelli più drammatici e seri.

Nato a Catania, nel 1946, fin da piccolo inizia a recitare come comparsa al Teatro Massimo Bellini di Catania. Si forma però  come attore dopo una lunga militanza nella Compagnia del Teatro Stabile di Catania, accanto a Turi Ferro e Salvo Randone, suoi compagni di palcoscenico, nelle difficili rappresentazioni dei testi di Leonardo Sciascia, Jean - paul Sartre e William Shakespeare. È il 1979, quando comincia la sua lunga gavetta televisiva, spesso diretto da Pier Francesco Pingitore. Moltissime, in questo caso, le sue presenze tanto che nominarle tutte sarebbe impossibile. Il primo contatto con il cinema, invece, arriva nel 1971 con il film 'Lo voglio di maschio'. Ha lavorato con Nanni Loy, Maurizio Nichetti, Giuseppe Tornatore, Marcello Mastroianni, Philippe Noiret. Con il film di Tornatore 'Il camorrista', vince il Davide di Donatello e con 'Vajont - la diga del disonore', un nastro d'argento. Questi sono soltanto alcuni dei tanti riconoscimenti ottenuti nella sua carriera.

Ma la popolarità per Leo Gullotta  arriva anche quando entra a far parte della Compagnia del Bagaglino, in varietà trasmessi da reti Rai e Fininvest come: “Biberon” , “Crème Caramel” , “Bucce di banana” e molti altri, all'interni del quali ha parodiato personaggi televisivi femminili.

Oltre a quella di attore Gullotta può annovera anche una carriera come doppiatore. Ha dato la sua voce a Joe Pesci in 'C’era una volta in America' di Sergio Leone, a Burt Young nella serie di 'Rocky' ed è la voce italiana di Manny nella saga animata 'L’era glaciale'. La sua ultima fatica in  questo senso è quella di ' A Roma con amore: Leo Gullotta ha prestato la propria voce a Woody Allen.

A San Giovanni il poliedrico Gullotta si presenta con un'altra veste ancora quella, cioè, di produttore.









Cultura

 
comments powered by Disqus