18.06.2017  09:55

Le sculture di Canova raccontate dagli scatti di Jodice: aperta la mostra al Palazzo del Podestà

di Glenda Venturini
Ieri sera il taglio del nastro di una esposizione che apre ufficialmente il Festival Arti e Varchi. L'omaggio alle sculture di Canova attraverso le fotografie di Mimmo Jodice, maestro della fotografia contemporanea


(foto comune Montevarchi)

commenti

Data della notizia:  18.06.2017  09:55

Un suggestivo allestimento all'interno delle rinnovate sale del Palazzo del Podestà restituisce tutta la magia degli scatti di Mimmo Jodice alle opere scultoree di Antonio Canova. È un intreccio di arti e di secoli, quello esposto a Montevarchi: "Jodice/Canova" è la prima mostra di un Festival dal titolo "Arti e Varchi", che per un mese vedrà protagonista la città con eventi di rilievo nazionale dedicati alle arti e in particolare, in questa prima edizione, proprio alla scultura. 

Ieri il taglio del nastro, alla presenza del sindaco Silvia Chiassai, dell'assessore alla cultura Maura Isetto, e del curatore e ideatore della rassegna, il tenore montevarchino Luca Canonici. "Un altro evento di spessore e rilevanza che porta il nome di Montevarchi in tutta Italia - hanno sottolineato - il nostro obiettivo è di rilanciare le ricchezze della città puntando proprio sulla qualità, e coinvolgendo le realtà museali importantissime di Montevarchi, ma anche le associazioni e il tessuto culturale locale". 

Sono 46 le immagini esposte, un lavoro emozionante che si lega alla costante ricerca di Jodice sul valore della figura nello spazio: un’inedita lettura, attraverso i suoi scatti, delle sensuali e algide opere di Canova, dagli anni veneziani alle imprese romane, fino alle grandi realizzazioni per Napoleone, ora al museo dell’Ermitage di San Pietroburgo. Una mostra che è stata esposta finora solo in tre occasioni: nelle sale del Museo civico di Bassano del Grappa, al Museo Messina di Milano e a Città del Messico, per rappresentare l’arte italiana durante il viaggio del Presidente Mattarella.

L'esposizione al Palazzo del Podestà rimarrà visitabile fino al 16 luglio. 

Cultura

 
comments powered by Disqus